Al bip-bip di retromarcia avevo pensato 25 anni fa
   
   
Remo Scomparin: "Scrissi al Ministero, risposero che la legge
non lo prevedeva" 

Ora il dispositivo è diffusissimo benché le norme rimangano confuse

 
9 marzo 2021

   
“Si è potuto notare che parecchi incidenti mortali, ma non solo, sono dovuti a manovre di retromarcia dei veicoli non udibili e non visibili in certe situazioni. Se si potesse applicare un dispositivo di segnale acustico udibile a qualche decina di metri nel momento dell'innesto della retromarcia si potrebbero evitare parecchi incidenti”.
E' il contenuto di una lettera inviata al Ministero dei Trasporti il 24 novembre 1996, quasi 25 anni fa, da Remo Scomparin, di Roncade, operatore di polizia locale di lungo corso.
  
Dai palazzi di governo la risposta giunse il 18 dicembre successivo. “Le norme che disciplinano i dispositivi di segnalazione, indicati nella Gazzetta Ufficiale n. 99 del 1993 – venne spiegato – non prevedono la installazione di dispositivi sonori da impiegare durante la manovra di retromarcia del veicolo”.
 
Profeta in patria. Con una lettera di sei anni più tardi, in questo caso indirizzata a “Mi manda Raitre”, Scomparin sottolineava come la sua intuizione fosse tutt'altro che campata in aria dato che il “bip-bip” di segnalazione di una manovra di retromarcia, specie da parte di veicoli con scarse possibilità di una visione posteriore, era sempre più diffuso, nonostante non reso obbligatorio da alcuna norma del Codice della strada.
E' un aspetto che sembra poco chiaro anche oggi, almeno a leggere le contorte espressioni contenute nel Decreto legislativo n.81 del 2008, poi convertito in legge, che pare quello più aderente alla materia sia pure focalizzato sostanzialmente sui luoghi di lavoro.
  
Ad ogni buon conto, un cicalino che si possa installare facilmente su qualsiasi veicolo a motore adesso lo si trova su Amazon a poche decine di euro e, legge o non legge, la constatazione di Scomparin del 1996 sui rischi di una retromarcia non segnalata acusticamente è senz'altro indiscutibile.
    
Roncade.it
   
Potete seguirci anche su Telegram, collegandovi al canale https://t.me/roncadeit