Comune muto e lontano
   
   
Vincenzi: "Assenza di idee e di gesti di attenzione
verso le imprese in difficoltà"

Il confronto con altre amministrazioni vicine e lontane, dopo due mesi di Covid-19, non lascia spazio ad altre conclusioni

 
29 aprile 2020

 
In questo periodo ancora drammatico e altamente rischioso, le domande su cosa accadrà a tante realtà, a tanti professionisti e a tanti nuclei familiari in difficoltà economiche si sprecano e non trovano risposta.
Per questo ho provato a scartabellare un po’ in giro, chiedendomi se la nostra Amministrazione si sia posta le stesse domande per tempo e, visto che è stata eletta anche da me per rappresentarci degnamente, se abbia intrapreso qualche sentiero (non voglio esagerare parlando di strade) per venire incontro alle difficoltà dei roncadesi.
 
Per iniziare, scorro tutte le notizie dell’app con la quale sindaco e giunta avvertono i cittadini delle loro azioni.
I nostri politici locali sono riusciti a distribuire i soldi della protezione Civile nazionale tramite buoni spesa alle famiglie meno abbienti, a far pervenire ai cittadini (ma solo grazie a volontari...) le inutili mascherine fornite dalla Regione (!), a diffondere tramite app le misure di contenimento del virus (salvo permettere che il Carnevale si svolgesse tranquillamente, mentre quello di Venezia veniva sospeso), a pulire le palestre (!!), a chiedere donazioni tramite un conto corrente solidale (!!!).
Non sono state rese note altre iniziative.
In sostanza, hanno distribuito soldi e mascherine di altri, spedito lettere relative ad iniziative di altri, chiesto soldi ad altri.
  
Non è promettente, ma comunque voglio controllare anche nell’Albo Pretorio, dove però non trovo delibere del Consiglio Comunale ne’ tantomeno di Giunta, in merito.
Provo a sentire qualche commerciante e mi sento dire che la Giunta ha fatto il giro al mercato e salutato gli esercenti aperti. Punto. Chi era chiuso ha dovuto rivolgersi personalmente al Municipio per avere qualche chiarimento.
Sfinita, controllo pure nei quotidiani, ma le uniche notizie che Roncade ha dato di se’ sono quelle già riportate.
  
Trovo invece diverse news da altri Comuni.
E leggo che, per esempio, Casier da’ fondo al salvadanaio dell’avanzo di Amministrazione con 50.000 euro per chi si trova in difficoltà.
Anche il gruppo PD d’opposizione a Montebelluna ha presentato la proposta di utilizzare l’avanzo per la creazione di un fondo di 680.000 euro da destinare all’emergenza Coronavirus.
  
A Mogliano, il Comune ha posticipato la tassa comunale Tosap per i commercianti e l’imposta sulla pubblicità al 31 luglio, mentre le tasse di soggiorno verranno differite a metà ottobre.
“Non molto, ma un segnale di vicinanza e sostegno”, ha dichiarato il sindaco.
  
A Cimadolmo, comune di neanche 3500 anime, il primo cittadino ha invitato gli abitanti a sottoporsi al test sierologico qualitativo per la ricerca degli anticorpi IgM e IgC verso il Covid-19. Il test costerebbe 43 euro, 20 le mette il Comune. In 600 hanno risposto subito ed è già stata designata la sede comunale dove si terranno i prelievi.
  
Allora i dubbi che la nostra Amministrazione non abbia ne’ strumenti ne’ idee per agevolare i roncadesi possono venirmi, giustificatamente.
Perché se Roncade non ha le possibilità di Siena, che riporterò fra poco, non è detto che debba starsene a dormire.
Perciò, anche se mi duole farlo e sinceramente non credevo di doverlo fare io, che non ho a che fare ne’ col Comune ne’ con i commercianti, riporto pari pari qualche idea senese che magari anche simbolicamente, se messa in atto, potrebbe far sentire la vicinanza degli amministratori ai roncadesi.
Io penso che se lo meritino.
Ma penso soprattutto che siano atti dovuti.

1)Azzeramento fino al 31 dicembre 2020 del pagamento della tassa di occupazione suolo pubblico (Cosap) temporanea per attività commerciali ed edilizie;
2) riduzione di un tot di euro dal pagamento della Tari per le attività commerciali nel 2020, con applicazione fin dall’acconto;
3) posticipazione al 31 agosto/30 settembre dell’acconto Tari 2020;
4) per l’anno in corso non applicazione dell’imposta di pubblicità (Ica) per mancata fruizione;
5) riduzione immediata, del 20% fino alla fine dell’anno, degli affitti di immobili di proprietà comunale locati ad attività commerciali o artigianali;
6) erogazione immediata di tot euro per progetti approvati del volontariato
7) sospensione e proroga, per il periodo di emergenza, delle concessioni edilizie rilasciate;
8) azzeramento della tariffa di trasporto, mensa scolastica e rette degli asili per i mesi di marzo, aprile, maggio e giugno 2020.
9) estensione gratuita della superficie di suolo pubblico attualmente concesso compatibilmente con lo spazio disponibile e legittimamente fruibile;
10) concessione straordinaria gratuita di suolo pubblico nelle vie e piazze cittadine agli esercenti che, in forma singola o associata, ne faranno richiesta;
11) estensione facoltativa dei giorni e degli orari di apertura di qualsiasi attività commerciale e artigianale;
12) creazione di un fondo comunale e gestione della raccolta fondi per aiutare i genitori che lavorano fuori casa, per gli insegnanti precari, per parrucchieri ed estetisti, per chi si occupa di cultura e turismo, eccetera.
    
Aldina Vincenzi
   
    
Potete seguirci anche su Telegram, collegandovi al canale https://t.me/roncadeit