Full Immersion nelle Pm10
   
   
Cosa è vietato fare fino alla primavera per non peggiorare il quadro Le buone regole per temperature, stufe, caminetti e motori

 
26 ottobre 2019

 
Temperatura massima di 19 gradi in casa e negli uffici, di 18 nei negozi e nelle aziende produttive. Non si riscaldano scale e garage, non si bruciano sfalci, potature e paglia, non si accendono caminetti aperti e bisogna fare in modo che le stufe a pellet siano di alta qualità.
  
I dettagli di quello che è consigliabile fare e di ciò che è invece espressamente vietato si trovano nelle ordinanze comunali diffuse in questi giorni ed armonizzate con le misure di contrasto all'inquinamento atmosferico previste dal Piano regionale volto al contenimento delle polveri sottili Pm10, assai insistenti, nei mesi invernali, in tutta la pianura veneta.
Le misure assunte in ambito locale possono diventare anche più restrittive qualora le misurazioni della qualità dell'aria eseguite dall'Agenzia regionale veneta per l'ambiente (Arpav) facessero rilevare un peggioramento del quadro in termini di ripetizione consecutiva nei giorni di livelli di Pm10.
I divieti si estendono all'apertura delle porte dei negozi per tempi superiori allo stretto necessario a far entrare clienti e merci e nel tenere acceso il motore dei veicoli in caso di soste prolungate. E' infine proibito lo spargimento di liquami e tutto questo, come avviene da alcuni anni, fino al 31 marzo prossimo.
  
I particolari del provvedimento, che contiene anche utili raccomandazioni sul materiale da non bruciare all'interno delle stufe, sono consultabili a questo link.
    
Roncade.it