E' diventato una lapide?
   
   
Da sette anni un cartellone sul campanile che nessuno rimuove
Comunica l'inizio dei lavori di riqualificazione del sagrato. Conclusi nel 2016

 
15 gennaio 2019

 
In materia di decoro di spazi pubblici forse non è il caso di muovere contestazioni solo all’Amministrazione comunale, che lascia per settimane rovine di fronte al castello, o agli organizzatori di eventi estivi che “dimenticano” i cartelli nei giardini pubblici fino alla befana.
Pure la parrocchia non scherza in amnesie e, anzi, probabilmente ne detiene il record.
  
Il cartellone metallico sbiadito e rugginoso inchiodato sulla parete del campanile per comunicare l’inizio di lavori di riqualificazione del sagrato, sta lì da gennaio 2012.
Sette anni, quando i lavori sono conclusi da quasi tre, senza che si siano trovati dieci minuti per togliere il pataccone. Ormai illeggibile e dunque pure inutile in termini di visibilità – se non già dannoso per l’immagine – dell’impresa che ha eseguito l’opera.
  
Quando qualcuno si deciderà a rimuoverlo resterà l’impronta rettangolare di mattoni di colore diverso dagli altri, e ci vorrà un bel po’ di tempo a recuperare l’omogeneità cromatica della base delle torre.
Intanto lo sguardo si è abituato, come fosse una delle lapidi sul muro della chiesa.
  
Cosi accade sempre, da sempre, per migliaia di dettagli sbagliati che la quiete della consuetudine ci impedisce di vedere.  
    
Roncade.it