Outlet, si parla di settembre
   
   
La proprietà incontra le categorie. Ma non risponde
Gran parte degli spazi sarebbero già opzionati, si fanno proposte per gli operatori locali. Quali marchi saranno presenti, però, rimane un mistero

 
7 aprile 2018

 
Prima della fine dell’estate l’odissea durata più di 10 anni della struttura nota come “Outlet” di Roncade sarà conclusa. Ieri i proprietari dell’immobile (Lefim, gruppo Basso) hanno annunciato che “L’Arsenale”, questo il nome aggiornato dell’insediamento, aprirà nella prima metà di settembre su una superficie di 25.000 metri quadrati con 1.700 posti auto. Dentro opereranno 50 esercizi commerciali (il progetto è affidato all'agenzia Cushman & Wakefield) compreso un ipermercato alimentare quasi certamente ad insegna Aldi.
  
I delegati di Lefim hanno incontrato ieri le associazioni di commercianti ed artigiani locali per proporre ad eventuali interessati spazi ancora liberi all’interno del sito. Il quale, ha ricordato il sindaco di Roncade, Pieranna Zottarelli, non implicherà consumo di nuovo suolo “dato che esiste da un decennio e quindi prima della nascita di altri complessi”.
  
Perplessità sono tuttavia state espresse da alcuni fra i partecipanti all’incontro in particolare per la mancanza di risposte fornite in merito all’identità degli operatori commerciali intestatari dei contratti già sottoscritti. “Ci hanno proposto di avanzare domande sulle condizioni praticate per spostare l’attività all’Arsenale – riferisce qualcuno – ma sottrarre altri negozi al centro di Roncade significa volerlo desertificare”.
 
Di seguito il comunicato stampa diffuso dalla proprietà
  
  
6 aprile 2018


COMUNICATO STAMPA GRUPPO LEFIM

Oggi due proficui incontri in comune con artigiani e commercianti

L’ARSENALE DI RONCADE APRIRÀ entro il 15 SETTEMBRE
Completata la commercializzazione delle medie superfici, il nuovo centro commerciale sarà perfezionato con l’inserimento di negozi medio-piccoli

L’Arsenale di Roncade, il progetto commerciale sviluppato e realizzato dal Gruppo Basso, è in dirittura d’arrivo ed aprirà nella prima metà di settembre. Completata la commercializzazione delle medie superfici, il nuovo centro commerciale sarà perfezionato con l’inserimento di negozi medio-piccoli – anche di operatori locali – con l’obiettivo di offrire al cliente finale un mix di insegne inedito e veramente distintivo. Vi si troveranno brand italiani e internazionali a forte capacità attrattiva e, al contempo, format innovativi per offerta e servizio, selezionati a livello locale e non solo. Oggi, grazie all’input dell’amministrazione comunale, in Comune a Roncade si sono svolte due incontri conoscitivi: il primo stamane con i commercianti dell’area e il secondo nel pomeriggio con gli artigiani. A loro è stato spiegato il progetto e soprattutto proposta una collaborazione al fine di dare la possibilità agli imprenditori locali di cogliere l’opportunità del nuovo sito che garantirà spazi dedicati ad attività extra commerciali per valorizzare il territorio.

In posizione strategica e ben visibile dalla statale che collega due arterie autostradali, L’Arsenale punterà su “location”, immagine architettonica e offerta per rispondere alle esigenze di un bacino stimato in circa 185.000 abitanti nei 20 minuti di percorrenza (214.000 se si considera anche l’autostrada) e caratterizzato da un reddito pro-capite elevato rispetto alla media nazionale. La viabilità è stata integrata con due rotonde, per assicurare uno scorrimento fluido alle auto in arrivo tanto dall’autostrada (il centro è a poche centinaia di metri dall’uscita Roncade della A27), quanto dal vicino centro abitato di Roncade.

Il mix merceologico, frutto di un’attenta analisi del territorio e della domanda, punta su elementi di novità per differenziare l’offerta rispetto al contesto commerciale circostante e per rispondere alle esigenze di consumo quotidiano e di shopping di un target famigliare e giovane. In totale, su una superficie lorda affittabile di 17.000 mq, si troveranno circa 50 esercizi, suddivisi tra abbigliamento e accessori, articoli per la persona e per la casa, ristorazione. Una componente significativa sarà anche riservata ai servizi, tra i quali si distingue una clinica dentale affiancata da ottica, telefonia, parafarmacia, parrucchiere e lavasecco.

Realizzata su una superficie complessiva di 25.000 mq, con 1.700 posti auto a raso, la struttura è moderna e di grande impatto visivo, grazie al gioco geometrico dei volumi e dei contrasti cromatici, all’utilizzo di materiali e soluzioni costruttive hi-tech. La luce naturale valorizza l’ampiezza della galleria interna, doppia in larghezza rispetto alla media dei centri commerciali standard, fiancheggiata dalle vetrine e movimentata da diversi chioschi. La piazza outdoor, incorniciata su tre lati dalla struttura commerciale, è ideale per ospitare eventi, concerti e iniziative. Nell’ambito dell’incarico di commercializzazione e gestione del centro è stato elaborata una strategia di marketing volta a valorizzare L’Arsenale come punto di incontro, shopping e socialità per la comunità e il territorio.

“L’Arsenale va molto oltre il format tradizionale - spiega Simone Dal Sie di Lefim Gruppo Basso - ed è proprio questa unicità a garantire un posizionamento di mercato elevato al progetto. La scelta di collocare la spesa quotidiana in uno spazio ad alto contenuto di design e innovazione, progettato dallo studio internazionale di architettura Chapman Taylor, coadiuvato a livello locale dall’Arch. John Visentin, è senza dubbio qualificante. Non è solo una questione di estetica, ma di vivibilità e sensibilità sociale. L’Arsenale utilizza materiali e tecnologie all’avanguardia per limitare l’impatto ambientale e per offrire ai clienti un ambiente accogliente e gratificante: il piacere di fare shopping tutti i giorni in un contesto di pregio.”

“Per il territorio di Roncade l'apertura dell’Arsenale deve costituire una opportunità, anzi delle opportunità da valutare e cogliere - spiega Pieranna Zottarelli, sindaco di Roncade - Il sito deve essere una possibilità per il territorio. Un’attrattiva che possa aprirci a nuove situazioni e contesti di promozione delle nostre specificità, ma può dare la possibilità ai nostri artigiani e commercianti di attuare un prolungamento delle proprie attività aziendali o cominciare delle nuove attività di impresa che possono sfruttare la direttrice Treviso mare. Del resto non si tratta di consumare nuovo suolo perché questo sito esiste da un decennio e quindi prima della nascita di altri complessi. Certamente l'amministrazione comunale manterrà stretti rapporti con la proprietà al fine di sfruttare al cento per cento questa apertura. A tutti noi quindi l'occasione di cogliere come detto delle opportunità per un nuovo sviluppo dell’artigianato e del commercio roncadese che vanta realtà straordinarie e di grandi capacità. Da qui la speranza di dar vita a nuove forme di autoimprenditorialità giovanile e femminile”.
  
    
Roncade.it