Andar per siringhe a Musestre
   
   
Recuperate in quantità anomala vicino alla torre Everardo
Fra l'erba anche molte lamette da barba, si sospetta non sia un caso. La pulizia grazie a Open Canoe Open Mind

 
26 ottobre 2018

 
Siringhe e lamette da barba fra l'erba. Sono oggetti trovati in quantità anomala e recuperati qualche giorno fa nel corso di una campagna di pulizia dai "rifiuti flottanti" che l'associazione Open Canoe Open Mind organizza periodicamente sugli argini dei corsi d'acqua locali.
  
In questo caso la "raccolta" riguarda le immediate vicinanze della torre Everardo, a Musestre, al punto di ingresso dell'affluente nell'alveo del Sile.
L'operazione, eseguita con la collaborazione degli alunni delle classi quarta e quinta elementare di Musestre, ha portato al riempimento di sette sacchi di spazzatura, cinque dei quali, però, nel brevissimo tratto indicato.
  
Da qui l'ipotesi - tutta da confermare ma non campata in aria - che la disseminazione di oggetti potenzialmente rischiosi per chi frequenti quel segmento di argine non sia affatto casuale.
Che ci sia cioè la consapevole intenzione di scoraggiare il passaggio di pedoni e ciclisti e di rendere difficoltose e pericolose le attività anche di chi, in modo gratuito e generoso, si impegni nella rimozione della sporcizia.  
    
Roncade.it