Liberare il Musestre
   
   
Il 23 aprile marcia sul fiume da Breda al Sile
Invito rivolto a tutti per una ricognizione completa delle criticità di acqua, alveo ed argini

 
18 aprile 2017

 
Declinare la Festa della Liberazione come auspicio di fruizione condivisa di uno spazio collettivo, di rigenerazione ambientale e territoriale, di liberazione del territorio dalle logiche dello sfruttamento antropico.
E' l'obiettivo della Marcia per la liberazione del fiume Musestre promosso dal Contratto di Fiume, Legambiente, Wwf, Italia Nostra ed altre sigle impegnate nella tutela ambientale per domenica prossima, 23 aprile, con ritrovo alle 10 nel parcheggio di Villa Olivi, a Breda di Piave.
Il pecorso, dalle sorgenti alla confluenza nel Sile, ha una lunghezza di 24 chilometri per una durata della marcia stimata in cinque ore.
 
"Può essere l’occasione - spiegano gli organizzatori - per realizzare un censimento delle criticità e delle valenze del territorio. Il fiume Musestre è oggetto di un processo per la gestione condivisa del territorio, assieme ai fiumi Meolo, Vallio, Melma, Nerbon, Storga e Libraga. Gli appunti presi durante la marcia potrebbero concorrere alla formulazione di alcune proposte di intervento finalizzate ad aumentare l’accessibilità ai fiume come spazio collettivo".
  
Chi intende partecipare ed aderire alla marcia per la Liberazione del fiume Musestre, può iscriversi agli indirizzi e-mail: pozzogood@yahoo.it e salicebiancolinte@gmail.com , o telefonando ai numeri 347 2628836 - 346 2106536
  
Si può partecipare alla marcia anche solo percorrendo un tratto minore dell’intera asta: ad esempio da Biancade a Musestre, o da San Martino a Spercenigo, o da Breda a San Martino, o a piacere.
    
Roncade.it