Scuola, Patuzzo si dimette
   
   
Consiglio Istituto: "Pressioni del Comune"
Sindaco: "Sempre rispettato autonomia scolastica"

 
21 ottobre 2016
  

Il giallo sulle dimissioni della dirigente dell’istituto comprensivo di Roncade prende un’altra piega, il giorno dopo il caos. Il presidente del consiglio d’istituto Ivano Tonon lancia un’accusa che pesa sul municipio: «La preside ha lasciato l’incarico per le ingerenze dell’amministrazione comunale, aveva il totale appoggio dei genitori e dei docenti che avevano anche scritto una lettera per esprimerle la loro solidarietà». Tonon, a nome di molte famiglie, si dice dispiaciuto dell’addio di Monica Patuzzo al comprensivo di Roncade (asilo, elementari e medie): «Ha sempre messo al primo posto i bisogno dei bambini, in particolare quelli con più difficoltà, è stata disponibile e competente. Le sue dimissioni sono state per tutti noi un fulmine a ciel sereno. Colpa di interferenze dall’alto». È una comunità divisa, quella di Roncade, su questa decisione tanto improvvisa quanto sorprendente.Il sindaco Pieranna Zottarelli difende l’amministrazione: «Mai questo Comune ha fatto ingerenze, rispettando sempre l’autonomia scolastica e offrendo massima collaborazione alla dirigente, ai docenti e alle famiglie, il dialogo è aperto. Le malelingue smettano di seminare zizzania per il bene dei bambini e dei ragazzi dell’istituto – si arrabbia il primo cittadino -, chi fa illazioni e ipotesi di questo tipo dovrà prendersene le responsabilità, non accetto che si parli di interferenze». Monica Patuzzo, ex insegnante alla sua prima nomina da dirigente scolastica, da due anni preside al comprensivo di Roncade, ha rassegnato le dimissioni lunedì. È già partita una richiesta al provinciale di individuare un sostituto e il nome del reggente arriverà a giorni. «Patuzzo ha presentato domanda di dimissioni anticipate dal servizio, un pre-pensionamento, e rispettava i requisiti per l’accoglimento – afferma la direttrice dell’ufficio scolastico regionale Daniela Beltrame. Non vedo il motivo di fare polemica, è stata una decisione personale».

Silvia Madiotto - da "Corriere del Veneto"
  
      
20 ottobre 2016
 
 
Si è dimessa da un giorno all’altro la preside dell’istituto comprensivo di Roncade, Monica Patuzzo, lasciando dietro di sé un grande dubbio. È una dirigente stimata e apprezzata da famiglie e collaboratori che però nell’ultimo periodo aveva dato dei segnali di insofferenza.
  
«Aveva chiesto un’aspettativa a settembre – commenta il sindaco Pieranna Zottarelli – ma non mi sarei aspettata delle dimissioni. Per noi era una dirigente a tutti gli effetti da due anni, questo sarebbe stato il terzo, mi ha scritto solo pochi giorni fa per una comunicazione». Insomma, il sindaco cade dalle nuvole: non ne sapeva nulla, dice. L’unica conferma arriva dalla dirigente dell’ufficio scolastico provinciale Barbara Sardella: «Il direttore generale ci ha chiesto di individuare un sostituto». E così sta facendo. Ma sulle motivazioni di questa decisione tanto repentina quanto strana è ancora giallo.
  
Chi conosce la dirigente Patuzzo esclude che la causa possa essere il rapporto con le famiglie, che sembra essere stato sempre sereno. Qualcuno parla di possibili pressioni «superiori» perché fosse lei a dimettersi volontariamente, qualcuno di difficoltà esterne all’ambito scolastico, ma il mistero rimane fitto. L’istituto comprensivo di Roncade, che va dalla scuola per l’infanzia alle elementari e medie, da tre anni ha aggregato anche gli studenti di Monastier in un’ottica di riorganizzazione e razionalizzazione. Patuzzo, insegnante con esperienza ma alla sua prima nomina da dirigente nell’agosto 2014, potrebbe rimanere a scuola fino alla fine del mese, fino a che non sarà individuato un reggente. Certamente però una scelta così difficile e sensibile per il territorio non mancherà di sollevare reazioni: il paese è piccolo e la scuola è il centro della comunità.
  
Silvia Madiotto - da "Corriere del Veneto"
  
 
Roncade.it