FB.jpg (3148 byte)

   
Lunedì
1 agosto
2016

 

Parco delle impunità

Sei cestini della spazzatura divelti in una notte
"Ho timore ad uscire se c'è la banda dei ragazzini". Ma la linea è sempre quella di lasciar correre
  
"Io abito proprio in via del Parco e credetemi che a volte ho qualche timore nel portare fuori i bidoni dell'immondizia perché il capannello di ragazzetti che ormai frequenta e imbratta con sigarette, cartine, bottiglie di birra talvolta rotte sul marciapiede, è sempre più numeroso".
 
Parole come purtroppo ormai tante in e-mail come tante con il denominatore comune di quella enclave che si è evidentemente scelto di rendere estranea alla legge che è il Parco del Musestre. L'episodio di oggi è una serie di cestini dell'immondizia divelti dal suolo o strappati dal loro supporto, domani saranno altre scritte con lo spray che si rinuncia a cancellare o altre panchine date alle fiamme, con il favore del buio e dell'assenza di telecamere e con l'esaltazione da poveri cristi ingerita con la birra.
I bulletti più o meno adolescenti sono sempre esistiti, la differenza sta nella scelta di affrontare o meno il problema.
Può essere condivisibile l'approccio "soft" cercato dall'amministrazione comunale che passa attraverso i tentativi di apertura di canali di dialogo, strettoie nelle quali provare ad infilare l'Abc del senso civico. Ma l'altra gamba è necessaria.

Tutte le persone normali che conducono una vita civile sanno che ad ogni illecito deve corrispondere una sanzione. Chi - e parliamo delle forze di polizia, quella locale in primis - in casi come questi evita di agire manca di rispetto al 99,99% dei cittadini che si comportano bene.
 
L'effetto è che il degrado si allarga, vetri rotti di bottiglie di birra o lattine abbandonate sui marciapiedi se ne trovano ormai anche in via Roma, l'impunità è una bestia che tende a crescere, a sconfinare, fosse pure per senso di sfida. Anche in questo fenomeno, in sostanza, ci sono responsabilità dirette e responsabilità indirette.
                                  
   
  
   
  
  
  

Roncade.it

  

 
Condividi su Facebook