FB.jpg (3148 byte)

   
Giovedì
30 giugno
2016

 

Outlet, sarà Centro commerciale

L'organizzazione affidata alla milanese Cogest
Gruppo Basso: "Le autorizzazioni oggi prevedono qualsiasi tipo di utilizzo". Aperta pagina web per interessati
  
Il mai aperto Outlet di Roncade, sul bordo della Treviso-Mare, sarà un nuovo centro commerciale.
  
La conferma giunge sia dalla proprietà dell'immobile, il gruppo trevigiano Basso, sia dalla società alla quale è stata affidato il compito di individuare i negozi da insediare negli spazi, cioè la milanese Cogest Retail.
Cogest, che gestisce già 51 centri commerciali, ha da qualche settimana avviato una pagina web dedicata all'ex “Outlet Roncade Gallery”, in seguito ribattezzato “L'Arsenale”, descritto come un contenitore capace di ospitare 80 punti vendita su una superficie affittabile di 17 mila metri quadrati.
“L’obiettivo – spiegano – è quello di assicurare il successo commerciale della struttura e degli operatori, componendo un mix di merceologie e insegne che non solo risultino attrattivi ma possano garantire un servizio nel territorio di appartenenza. Poter trovare nella stessa struttura un’offerta completa, marchi qualificati, un punto di riferimento per gli acquisti, il tempo libero e la socialità sono elementi determinanti. In questa direzione Cogest Retail ha impostato la commercializzazione, che già conta su alcune insegne consolidate”.
  
Quali generi di negozi comporranno alla fine l'offerta dell'Arsenale è difficile da prevedere anche se, va evidenziato, molti dei limiti che un tempo riducevano gli spazi di manovra sono stati successivamente superati.
“Le autorizzazioni commerciali – si limita a ricordare il Gruppo Basso – oggi possono prevedere qualsiasi genere di utilizzo”.
Per avere un'idea del format tipico di Cogest, comunque, è sufficiente visitare altri centri veneti di sua competenza, fra cui “Le Piramidi”, di Torri di Quartesolo, “La Grande Mela”, di Sona, il “Centro Commerciale San Bonifacio”, a San Bonifacio, e “Piazza Grande”, di Piove di Sacco.
  
Andasse a chiusura l'operazione, verosimilmente non prima del 2017, si otterrebbe finalmente la concretizzazione di un progetto che rappresenta un autentico caso di scuola di come, in Italia, gli effetti incrociati di ricorsi a Tar e Consiglio di Stato da parte di concorrenti (in questo caso i vicinissimi “Tiziano” ed “Emisfero”, l' Outlet di Noventa di Piave e altri) possano paralizzare le iniziative imprenditoriali. Nel 2012 la proprietà, impegnata sull'iniziativa dal 2006, per protestare contro il blocco di un progetto di nuova legge regionale, appese alla struttura uno striscione con i nomi dei consiglieri rei di non aver accordato il loro voto.
  
Quanto questo nuovo progetto sia in linea con le aspettative della comunità roncadese è ora tutto da discutere. Fino a tre anni fa la oggi disciolta associazione dei commercianti Acer sosteneva di avere avuto dall'amministrazione comunale “ampie e ripetute garanzie” sul fatto che nella struttura non fosse inserito “il comparto alimentare inteso come supermercato” per non trasformare l'iniziativa in uno dei già numerosi centri o parchi commerciali.
                                  
  

Roncade.it

  

 
Condividi su Facebook