FB.jpg (3148 byte)

SOLID1.jpg (12935 byte)
   
Martedì
8 marzo
2016

 

Tirare a campare

Lorenzon: "Buca in piazza, donna ferita. Serio ma ancora non grave"
Una signora inciampa sul sampietrino mancante. Ma questa non è una sicurezza di serie B
  
Gentile direttore,

ieri mattina come spesso mi succede al lunedì, mi sono recato al mercato di Roncade, ci vado un po' per gli acquisti, molto perchè ho l'occasione di incontrare i miei coetanei pensionati e non, per fare due chiacchere davanti a un caldo caffè.
Si parla di un po' di tutto, c'è chi preferisce l'argomento calcio, chi parla di partiti, chi di politica; spesso non ci troviamo d'accordo ma va bene così, anzi, diventa motivo di discussione più o meno seria.
  
Ieri non c'era molto da discutere, l'argomento era a senso unico e di una certa gravità e stranamente tutti eravamo d'accordo su un punto, e cioè "bisogna intervenire subito".
Ma quale era l'argomento così importante da riuscire a mettere d'accordo persone che generalmente la pensano in modo diverso?
  
Era successo che una signora, camminando in piazza Primo maggio, la ormai famosa piazza, quella piazza fatta di Sanpietrini che non vogliono stare al loro posto e che spostandosi creano delle buche, in una di quelle buche era inciampata, cadendo pesantemente a terra sbattendo la faccia.
Ho visto il suo viso sanguinante, escoriazioni sul suo volto e soprattutto l'espressione di una persona sofferente e forse anche incredula. Mi sono avvicinato e una volta constatato che le sue condizioni erano serie ma non gravi, l'ho invitata a rivolgersi ai vigili, cosa che la signora mi ha assicurato di aver già fatto.
  
Tornato a casa ho avuto modo di riflettere su quanto accaduto e mi sono chiesto se potevo fare qualcosa per evitare che simili episodi si ripetano, magari con conseguenze ancora più gravi. Gli strumenti a mia disposizione sono limitati ma visto che chi ha ben altri strumenti (e poteri) sembrano non vogliano esercitarli , credo sia doveroso da parte mia almeno segnalare l'episodio.
In questo momento sto pensando all'amministrazione roncadese guidata dal nostro sindaco, Pieranna Zottarelli, una amministrazione che, almeno in campagna elettorale, aveva posto la sicurezza come punto principale tanto da chiedere la collaborazione dei cittadini per il raggiungimento di tale obbiettivo.
  
Credo che da parte del cittadino la collaborazione ci sia stata e continui ad esserci, più volte è stata segnalata la pericolosità della piazza, più cittadini hanno chiesto che la stessa venga messa in sicurezza, ma come spesso accade in politica una cosa sono le parole, le promesse, un'altra cosa sono gli interventi concreti ed è evidente che nemmeno questa amministrazione è in grado di smentire la regola; peccato perchè il rischio per il cittadino che transita in quella piazza è reale, non vorrei che, come spesso accade, si intervenga in ritardo quando cioè la tragedia è consumata.
  
Mi aspetto da questa amministrazione, e in particolare dal sindaco, una presa di posizione forte, decisa ad evitare che fatti come quello di stamattina non diventino una normalità.
Vanno bene la non accensione dei panevin, vanno bene i divieti di accendere fuochi va bene tutto quello che serve a garantire l'incolumità del cittadino, ma tra questo non può non esserci la messa in sicurezza
della piazza primo maggio.
Alla signora vittima dell'infortunio di ieri un sincero augurio di una pronta guarigione.
                           
  

Zeno Lorenzon

  

 
Condividi su Facebook