FB.jpg (3148 byte)

   
Venerdý
18 marzo
2016

 

Su H-Farm quello fermo Ŕ il Comune

Regione Veneto: "Non sappiamo ancora cosa chiede"
La replica del sindaco: "Fatto quello che dovevamo, la conferenza dei servizi deve convocarla Palazzo Balbi"
  
“La Regione senza il via libera del Comune di Roncade non pu˛ avviare alcun procedimento sul progetto di campus di H-Farm, mi auguro che il municipio non stia in realtÓ temporeggiando per motivi a noi sconosciuti”.
La nota, firmata dall'assessore regionale veneto all'urbanistica, Cristiano Corazzari, Ŕ giunta ieri e di fatto restituisce al mittente i rilievi di inerzia mossi a Palazzo Balbi dal sindaco trevigiano, Pieranna Zottarelli.
  
La discussione era stata innescata lunedý sera quando, nel corso di un consiglio comunale dedicato alla descrizione di una proposta di polo formativo per 1.800 studenti prevista da H-Farm a Ca' Tron, Riccardo Donadon, presidente dell'incubatore, aveva prospettato l'intenzione di trasferire l'iniziativa altrove a causa dello scarso interesse registrato dall'amministrazione e dalla lentezza delle procedure. “Nel progetto ricevuto da H-Farm – insiste Corazzari - mancano le opere che il Comune di Roncade intende richiedere, e la volontÓ municipale non Ŕ emersa chiaramente pure in alcuni incontri che si sono svolti tra proponente, Comuni e tecnici regionali”.
  
“Tutto quello che Roncade poteva fare lo ha fatto e lo sta facendo – Ŕ per˛ la replica di Zottarelli – e spetta solo alla Regione convocare la conferenza dei servizi. Su questo l'art.32 della legge regionale sulla programmazione n.35 del 2001, citato, dallo stesso Corazzari, Ŕ molto chiaro. Comunque registriamo almeno che finalmente da Venezia su questo progetto arrivano segni di vita”.
  
da "Corriere del Veneto" del 18 marzo 2016
                        
 
  

Roncade.it

  

 
Condividi su Facebook