FB.jpg (3148 byte)

   
Martedý
14 luglio
2015

 

Scope migranti

Voli notturni fra i cimiteri. Poi qualcuna non riparte
Una scopa giunta da Morgano ciondola triste nel Camposanto di Vallio. Chi la riporterÓ a casa?
  
Cosa fanno le scope nei cimiteri di notte?
Si annoiano. Gironzolano qui e lÓ, tanto chi se ne accorge.
  
Fosse sempre Halloween, quando qualche strega le prende su e va a farci un giro, oppure la notte del 5 gennaio, sai mai che passa una befana rimasta a piedi.
D'estate per˛ il tempo no trascorre mai, e allora?

semplice: si mettono d'accordo e fanno dei party, un po' qui e un po' lÓ.
 
Si scambiano le coordinate per il ritrovo, impostano il navigatore e si arrangiano, volando anche senza strega pilota.
Sono diventate scope-droni.
  
Il guaio Ŕ che ogni tanto, vuoi per un bicchiere di troppo, vuoi perchÚ qualche disonesto ruba il Tom Tom, si perdono.
  
Non sanno pi¨ trovare il cimitero dal quale sono partite e allora restano a terra.
E' il caso, poveretta, di questa scopa seminuova partita da Morgano, una ventina di chilometri in linea d'aria, e rimasta, sconsolata, in uno dei padiglioni del Camposanto di Vallio.
Sono cose strane.
            
  

Roncade.it

  

 
Condividi su Facebook