FB.jpg (3148 byte)

   
Sabato
22 agosto
2015

 

Purché si conservi la sirena

Via libera al recupero delle ex officine Menon
Progetto più contenuto di quello del 2008, non ci sarà una sala pubblica ma il segnale acustico che scandiva gli orari di fabbrica non dovrà essere toccato
  
Ex officine Menon, la macchina del recupero si rimette in moto ma il progetto è assai più contenuto di quello presentato nel 2008 (clicca qui e vai a pag.67) quando l'intesa fra amministrazione comunale e proprietà (Immobiliare Roncadese Srl, riferibile a Silvio Basso), a fronte di una autorizzazione ad edificare per oltre 12 mila metri cubi, prevedeva il trasferimento al Comune di un capannone da destinare a sala polivalente e il cui recupero avrebbe comportato uno sforzo finanziario per la parte privata fino a 365 mila euro.
  
Oggi l'operazione, approvata da una delibera del Consiglio comunale del 10 aprile 2014 ed inserita nella variante al piano degli interventi approvata dall'assemblea il 20 luglio scorso, (clicca qui), riconosce a Immobiliare Roncadese Srl il diritto a costruire per circa 3.900 metri cubi, ricavando dagli spazi interni strutture ad uso direzionale e commerciale (clicca qui, scheda n.4), a fronte di un sostegno finanziario a progetti pubblici per 93 mila euro. Dove e come saranno impiegati lo si stabilirà, ma è noto che la sala polivalente è un'idea accantonata.
  
Particolare curioso: fra gli impegni del proprietario vi è quello di ricostruire parzialmente i locali produttivi delle vecchie officine Menon e di conservare la sirena che, per decenni, ha scandito i momenti di entrata ed uscita delle maestranze dalla fabbrica. Non è spiegato se lo strumento debba anche essere tenuto in efficienza e, alla bisogna, azionato.
                  
  

Roncade.it

  

 
Condividi su Facebook