TIT.jpg (17099 byte)

FB.jpg (3148 byte)

POLO.jpg (15094 byte)
   
Venerdì
14 marzo
2014

 

Macerie di un ventennio

Lista Zerbinati: "Siamo stati l'unico faro, adesso è tempo di saluti"
Da Machiavelli-Ivano a SuperSimo, fra il proconsole Luigi e don Matteo. Cronistoria di una disfatta (con i bambini che fanno "ohhhh")
  
Cari concittadini, siamo alle battute finali, scorrono già i titoli di coda di una commedia in due atti durata un ventennio, ove si son alternati, senza però cambiar mai trama né vesti, prima Machiavelli-Ivano, che saltò in corsa dal carro di una DC decotta (erano gli anni '90 di Tangentopoli e delle lettere anonime contro i dorotei roncadesi) per poi riproporsi "nuovo" con una Lega, dura e pura, ma tanto allocca da farsi “usare come un taxi” nella prima volata vincente di Sartor, e farsi metter alla porta quando la ragion di partito - si
chiamava PPI e poi Ulivo - lo impose.

E intanto furono battaglie sulla discarica, le cave, la svendita dell'area ex campo sportivo “Piero Grosso”, il centro commerciale, la sicurezza, gli allagamenti nelle frazioni, l'elettrodotto a Biancade, Rio Sartor e la nuova piazza municipio, etc etc... ah scusate… il titolo di città!

Dopo il primo atto di questa "commedia buffa in salsa piddina", arrivò SuperSimo, ancor più lesta a pensionare il "reuccio di Roncade", annientare i suoi quattro amici, e marciare verso Roma, ottenendo gli allori del Senatus PopulusQue Romanus prima, e addirittura l’elezione, appoggiata da chierichetti e scolari, a onorevole poi, con salvacondotto antiineleggibilità da doppia carica, regalato dal governo Monti.

GUERNICA.jpg (52949 byte)

E così ci sorbimmo la leggenda della Piazza Longa, dell'Outlet fantasma, del "ponte sul fiume dei guai" (pericoloso o forse no!), dei fantomatici accordi di programma del mitico PAT, rimasto ingessato... e ancora: la perdita dell'ex base di Ca’Tron, la TAV, la TV-Mare a pagamento, l'ufficio pubblicità in piazza, e l'Ikea che poteva riempire il bussolotto dell'Outlet ma niente, o ancora Marchiol che vi si potrebbe insediare ma no, meglio sacrificare altra campagna.

Ve la ricordate SuperSimo poliziotta? Insicuri a casa nostra: dovevano fregare le armi ai vigili per accorgercene!!!
In tutto questo turbine di cose che non sono andate bene - da noi contestate costantemente - la SuperSindaca svolazzava tra Roma e Venezia, Antenna3 e la Rai, portando alfine in "visita amici" anche il don Matteo nazionale; lasciando però sempre, a guardia del suo feudo, il fido proconsole Luigi da Ischia, ché tenesse a bada una “Maggioranza di bambini” (..che fanno ohhhh)... ma senza lei non san che pesci pigliare!

Ebbene anche negli ultimi cinque anni “di declino e difficile dialogo con i cittadini per incapacità dell’Amministrazione uscente (vedi proclama Sartor)” noi abbiamo comunque cercato di ergerci unico faro nel buio della città... a costo di portarci i ceri in Consiglio per illuminare voi roncadesi su quel che accadeva.

E’ tempo di salutare tutti, ringraziando della fiducia e dell'attenzione, e lasciare - direte finalmente! - il testimone... dell'opposizione ad altri!

  

Gruppo Consiliare per Zerbinati sindaco – Polo per Roncade

  

 
Condividi su Facebook