TIT.jpg (17099 byte)

FB.jpg (3148 byte)

   
Martedì
19 agosto
2014

 

Lasciamoli fare

Un anno di segnalazioni non è servito a nulla
Sul parco del Musestre continuano i vandalismi. Panche divelte e scarabocchi sui muri. Nella piena indifferenza
  
A quanto pare un anno abbondante di segnalazioni e di interrogativi non sono serviti.
Chi si aggira nell'area del parco del Musestre e sui lungargini può agire del tutto indisturbato, almeno la notte.
Le panchine, date alle fiamme lo scorso anno, adesso sono divelte, i virtuosi della bomboletta spray dai giochi per i bambini passano ormai ai muri.
  
E' conclamanto che la videosorveglianza èsegnalata ma non esiste.
Oppure se esiste non funziona.
Oppure se esiste e funziona i responsabili hanno in tasca qualche misterioso salvacondotto. A scelta, il risultato non cambia.
La componente atipica è che più di qualcuno questi giovanotti li ha visti in azione, sa chi sono o saprebbe comunque riconoscerli. Ma c'è chi, preso a male parole, evita finanche di osservarli troppo da vicino.
Se il timore di un attimo degrada in abitudine all'indifferenza - perché, come sempre, i problemi sono "ben altri" - la comunità ha già incassato la sua prima sconfitta.
 
Intitolare un parco al principe degli educatori, quale è ritenuto Robert Baden Powell, si riduce a gesto sostanzialmente estetico e virtuale - retorico e autoassolutorio - se, nello stesso luogo, si lascia dettar legge ai piccoli tiranni della maleducazione.
 
    
  

Roncade.it

  

 
Condividi su Facebook