TIT.jpg (17099 byte)

FB.jpg (3148 byte)

   
Mercoledì
23 aprile
2014

 

Rubifronte

Muraro: "Rubinato incoerente su immigrati. Si a Roma, no a Roncade"
Il sindaco critica l'assegnazione di profughi al comune ma ha votato per un fondo da 190 milioni per gli stranieri
  
 “Come si fa a votare favorevolmente alla cancellazione del reato di clandestinità e alla creazione di un fondo eccezionale da 190 milioni di euro a sostegno dell’immigrazione, anche quella non regolare, e poi lagnarsi contro l’arrivo di immigrati clandestini da gestire nel proprio Comune, frutto delle scelte appoggiate nel proprio partito!”.
Con questa battuta, il presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro, stigmatizza la deputata Simonetta Rubinato che oggi lamenta come spiegare ai propri cittadini l’accoglienza di nuovi immigrati clandestini sul territorio di Roncade, imposta dalle nuove normative e da lei stessa sostenute.

In particolar modo il presidente Muraro fa riferimento al voto favorevole che la deputato Rubinato ha dato al decreto legge del 15 ottobre 2013, n. 120 ‘recante misure urgenti di riequilibrio della finanza pubblica nonché in materia di immigrazione’, il cui comma 2 prevede ‘per far fronte alle problematiche derivanti dall’eccezionale afflusso di stranieri sul territorio nazionale, l’istituzione […] di un Fondo da 190 milioni per il 2013’.

“Vada a chiedere al suo attivissimo Premier perché una tal cifra non è stata destinata per far fronte alle emergenze che la deputato chiama nell’articolo del Gazzettino ‘situazioni disperate da gestire e delle famiglie sfrattate anche con bambini piccoli’. A mio avviso la priorità delle energie e delle risorse è quella di trovare una struttura all’ondata incontrollata dei tanti immigrati clandestini che continuano ad arrivare nel nostro territorio”.

Ma ancor più il presidente Muraro punta il dito sul decreto legge che sempre la deputato Rubinato ha votato favorevolmente nel 23 dicembre 2013, n. 146 ‘recante misure urgenti in tema di tutela dei diritti fondamentali dei detenuti e di riduzione controllata della popolazione carceraria’, che di fatto ha cancellato il reato di clandestinità, “Il penultimo regalo che l’Italia fa, incredibilmente, alla Kyenge. L’ultimo poi, è averla candidata alle Europee. Anche in questo caso la Rubinato ha votato favorevolmente e oggi si lamenta dell’arrivo dei profughi a Roncade, che altro non sono che immigrati irregolari e fa come Ponzio Pilato che si lava le mani rimandando al Governo le responsabilità. La chiamerei una palese mancanza di coerenza! Da una parlamentare che porta dentro sè anche l’esperienza di sindaco mi aspetto, piuttosto, coerenza, visione politica lungimirante e programmatica a tutto tondo”.
  

Ufficio stampa Provincia di Treviso

  

 
Condividi su Facebook