TIT.jpg (17099 byte)

FB.jpg (3148 byte)

   
Lunedì
2 giugno
2014

 

E l'acqua fresca arrivò

Naturale o frizzante a 5 centesimi il litro
Attiva in via Vivaldi una  "casetta dell'acqua". Sarà gestita da una cooperativa sociale
  
Ecco finalmente la “casetta dell'acqua”. Entrata più volte in passato fra i desiderata di diversi lettori di Roncade.it finalmente anche nel nostro comune è disponibile una “sorgente” di acqua fresca, depurata da cloro, controllata in tempo reale in ogni suo aspetto chimico e batteriologico, liscia, gasata o leggermente frizzante e, soprattutto, molto economica.
Installata all'ingresso dell'area delle scuole e degli impianti sportivi, la struttura è in grado di erogare, grazie a due stazioni affiancate, fino a 720 litri di acqua all'ora, 24 ore su 24.
Il funzionamento è semplice.
L'utente deve innanzitutto dotarsi di una speciale scheda ricaricabile, del costo di 5 euro, da acquistare all'edicola "Miotto" di via Roma oppure al negozio di ferramenta “Segato”, in Largo Giustinian.

La tessera a scalare, inserita in una fessura, abiliterà l'erogatore dal quale, utilizzando contenitori della capienza di un litro, sarà possibile rifornirsi senza limiti di acqua potabile al costo di 5 centesimi al litro, vale a dire da 4 a 15 volte in meno rispetto a quella confezionata normalmente in vendita nei negozi di alimentari.
  
Ovviamente non è acqua minerale. Quella della casetta viene prelevata dalla rete idrica locale del sistema Sile-Piave, che attinge dal pozzo di Lanzago di Silea, ritenuto fra i migliori per una serie di parametri caratteristici, per poi essere filtrata, sterilizzata con radiazioni ultraviolette, privata del cloro, refrigerata ed eventualmente arricchita da anidride carbonica dagli impianti nella casetta di via Vivaldi.
 
La gestione della struttura, costruita da Rmg Tech, di Treviso, è affidata alla cooperativa sociale “Alternativa Ambiente”, di Villorba, che ne utilizzerà i margini secondo un preciso vincolo di reinvestimento locale concordato con l'amministrazione comunale.

L'unico “onere” per l'ente pubblico consiste nella concessione in comodato d'uso della superficie e negli allacciamenti alla rete elettrica ed a quella idrica. L'uso degli erogatori è garantito anche a chi non può camminare grazie al posizionamento dei tasti di erogazione nella parte bassa del distributore.

L'impianto è già testato ed in funzione e l'inaugurazione ufficiale è fissata per sabato prossimo, 7 giugno.

  

Roncade.it

  

 
Condividi su Facebook