TIT.jpg (17099 byte)

FB.jpg (3148 byte)

AMELIA.jpg (10739 byte)
   
Mercoledì
1 maggio
2013

 

Che sia ora di una class action?

Vincenzi: "Chi si è fatto male sui sampietrini mi contatti"
Troppo longa la Piazza Longa. Per risparmiare si rischiano risarcimenti di entità ben superiore
  
Aspettando Piazza Longa, i roncadesi non rinunciano a passeggiare per il centro.
C'é il mercato ogni lunedì, c'é il Verdon, ci sono gli artisti sotto ai porteghi e la dose (innocua, ma questa è un'altra storia) di antiquariato al mese, i giochi in piazza (larga), i carri mascherati, la sagra parrocchiale e quella dei osei, i mercatini, i negozi, i locali, le ciacoe... Questa Roncade da vivere.
La Roncade che da troppo tempo è da inciampare.
Sul sampietrino pazzo.
Se ti va bene ti prende il dolore momentaneo della storta, un porchetto non molto indirizzato e via.
Se ti va male è l'ospedale. E mesi e mesi di riabilitazione.
Io mi sono data – per ora – solo a innumerevoli porchetti, pure troncati dal saltino salvavita che mi ha mantenuto in equilibrio e dai sorrisini a volte ironici a volte comprensivi dei passanti (però, tutti a procedere più cautamente, dopo lo spettacolino).

A mia madre, al ragazzo della Eismann che serve via Roma e a troppe altre persone che per ora rimangono anonime, è toccato invece l'ospedale.

Quella roncadese è una piazza troppo Longa da aspettare. La scusa di chi governa questa città è sempre la stessa. “Fra pochi mesi inizieranno i lavori e poi vedrete che meraviglia”.

SELC1.jpg (109092 byte)

Mi piacerebbe sapere in quanti hanno chiesto i danni all'amministrazione, nel frattempo. So per certo che molti sono stati davvero clementi e con un'alzata di spalle rassegnata benché rancorosa si sono barricati dietro alla presunzione di inavvicinabilità degli amministratori.
Le denunce su Roncade.it dei puntuali Dino e Zeno Lorenzon (per niente simili o imparentati, che io sappia), di Simone Piovesan, del Pdl e dell'Acer risalgono almeno al 2011. Parole ben assestate contro una pavimentazione ben dissestata, rivelatesi ad oggi inutili.

La situazione da allora è sempre peggiorata, tra pietre sbilenche, ganci per le bancarelle sporgenti, buche polverose dei marciapiedi che quando piove, a tradimento, ti fanno il pediluvio, tombini mal chiusi che sorridono insidiosi.
Tutto mi sembra già inaccettabile se penso all'estetica del paese che mi ha vista fin da bambina e che ha subito menomazioni su menomazioni dagli anni sessanta in poi (non lo nascondo, piango quando vedo le foto di inizio Novecento).

SELC2.jpg (50375 byte)

SELC3.jpg (43753 byte)

Ma che si danneggi colposamente il cittadino, mettendo a repentaglio la sua integrità fisica, oltreché oltraggioso a me risulta veramente incredibile.
Come molti altri non capisco il perché di certe scelte. Si risparmia qualche migliaio di euro e si rischiano risarcimenti di entità ben superiore.

Per questo chiedo a chi legge e conosce o è stato vittima del sampietrino pazzo di unirsi per formare un elenco esauriente da presentare a chi di dovere, con le dovute recriminazioni.

Contattatemi pure.

  

Aldina Vincenzi
aldina.vincenzi@libero.it