TIT.jpg (17099 byte)
 
CENSURA.jpg (14807 byte)
   
Mercoledý
2 gennaio
2013

 

Roncade a rischio esondazioni (verbali)

Pietrobon: "Parlar di scuola sui social network Ŕ pericoloso"
La dirigente scolastica ammonisce in merito alla possibilitÓ di essere denunciati per diffamazione
  
Occorre stare molto attenti a parlare di scuola e dei suoi rappresentanti istituzionali attraverso il web perchŔ il rischio Ŕ di incorrere nel reato di diffamazione.
Il monito giunge dalla dirigente scolastica di Roncade, Annamaria Pietrobon, attraverso una nota aggiunta al termine del verbale dello scorso 30 novembre.
Documento del quale non si avrebbe avuta comunque notizia se non grazie alla sua diffusione tramite gli strumenti social. Se il documento fosse riservato, confortiamo l'impostazione repressiva della direttrice aggiungendo che chi lo pubblica sarebbe perseguibile per ricettazione.

LOCKED.jpg (29545 byte)

Per˛ Ŕ difficile fermare il vento con le mani.

Di seguito il passaggio formulato da Pietrobon.

Oggetto: Comunicazione sul “Parlar di scuola”

“Si assiste da alcuni anni al recente fenomeno per cui le “chiacchiere” che prima avvenivano in contesti extrascolastici, ora siano riportate sui social network o sui siti del territorio i quali richiederebbero da parte della scuola “spiegazioni”.
Nel primo caso preme precisare che esondazioni dei contenuti possono debordare nella lesione dell'”onore” delle persone individuabili per il loro ruolo istituzionale. In tal caso si profila il reato di diffamazione (art.595 del Codice Penale) che pu˛ sfociare in querela di parte, anche per ristoro del danno non patrimoniale sofferto (art. 2059 Codice Civile). Ci˛ con l'aggravante del carattere pubblico del contesto che ospita il messaggio il quale favorisce la conoscenza incontrollata dei contenuti da parte di pi¨ persone.

Si ribadisce comunque come eventuali segnalazioni di disagio rispetto al servizio scolastico possono in ogni momento essere oggetto di comunicazione scritta contestualizzata, al Dirigente, che Ŕ tenuto a provvedere ad un'inchiesta interna.

Per quanto riguarda invece la seconda possibilitÓ (i siti del territorio) si ricorda che nelle sedi istituzionali (Consigli di Istituto, Consiglio di Classe/Interclasse/Intersezione) sono state date, nel rispetto dei dati sensibili delle persone, le spiegazioni richieste e dovute.
Si auspica che al “Parlar di scuola” si sostituisca il “Costruire con la scuola”, come di fatto sta avvenendo in alcune delle nostre realtÓ scolastiche.

Roncade, 30 novembre 2012

Il dirigente scolastico
Annamaria Pietrobon

    

Roncade.it