TIT.jpg (17099 byte)

FB.jpg (3148 byte)

OUTLET.jpg (13714 byte)
   
Venerdì
29 novembre
2013

 

Se nell'Outlet troviamo i russi

Appunto discreto per gli auto(?)convocati
Roncade non è più a Roncade ma nel centro di un continente che si chiama Europa e che sta fra la Cina e l'Atlantico
  
Se i russi si comprano l'Outlet levano un po' di castagne dal fuoco a Lefim (Gruppo Basso) - qui a Roncade colpito, come noto, dalla maledizione di Tutankhamon - ma, nel contempo, pongono alla società cittadina il problema di imparare il russo.
Non nel senso stretto, naturalmente. Sarebbe forse più semplice. Il senso vero è quello di imparare a rapportarsi con una internazionalità che non ha più niente a che vedere con le chiacchierate in dialetto che si sono potute fare fin qui con gli attuali proprietari.
Il Roncade Outlet Gallery, poi diventato L'Arsenale, nella sostanza è sempre stato un contenitore riempito solo di grandi discussioni e che tuttavia ha avuto il merito di rendere la classe commerciale cittadina consapevole della presenza di rischi potenziali alle soglie.

MATITA.jpg (16841 byte)

L'eventualità è stata via via metabolizzata, l'attività non è mai partita e la tensione in effetti è un po' calata. Oggi giunge la notizia che gruppi di investitori stranieri, in questo caso russi, cioè appartenenti ad una parte del mondo in cui la ricchezza di una certa fascia sociale sta rapidamente crescendo (del resto sono ormai 20 anni che acquistano alberghi e appartamenti a Cortina), potrebbero fare shopping di strutture immobiliari venete, interessanti per posizione e possibile utilizzo, ma addormentate un po' per burocrazia e un po' per affanni finanziari dei proprietari.

L'argomento, da solo, basta a capire come governare Roncade sia un tema che va posto su basi radicalmente diverse e più evolute di dieci anni fa.
Va anche detto che non è la prima volta che la globalizzazione rovescia questioni locali roncadesi. Il caso americano, che fa da contraltare a quello russo, è quello dell'autunno del 2008, quando una banca, Lehman Brother's fallì. Che c'entra con Roncade?
Scordarlo è una colpa: la crisi finanziaria che ne seguì colpì alle ginocchia Unicredit, la quale annullò, per poi ripristinare solo in minima parte, i dividendi ai soci. Fra cui Fondazione Cassamarca che, pesantemente indebitata, oggi sopravvive solo perché ha ceduto la tenuta di Ca' Tron a Cattolica Assicurazioni.

Quindi, quello che succede a New York o a Mosca può ricadere direttamente – più chiaro di così – su una città di 14 mila abitanti come Roncade e sui suoi ormai superati piani strategici pre-crisi.
Roncade non è più a Roncade ma nel centro di un continente che si chiama Europa e che sta fra la Cina e l'Atlantico.

Ne tengano conto i gruppi locali che si stanno organizzando per le prossime amministrative. Per discutere di illuminazione pubblica, contributi alle scuole materne, festival del verdon o sicurezza bastano il dialetto e il buon senso volta per volta. Per i giochi grandi che ci prendono in mezzo, e che sono quelli che davvero ci mettono in proiezione sul futuro, la conoscenza del linguaggio russo, cinese o americano (inteso nel senso di prima) – assieme ad una decorosa base culturale umanistica ed economico finanziaria internazionale – sono irrinunciabili, pena la passività e la perdita (irrimediabile) di governo del territorio.

Spasiba

  

Roncade.it

  

 
Condividi su Facebook