TIT.jpg (17099 byte)

FB.jpg (3148 byte)

ROBIN.jpg (13238 byte)
   
Giovedì
12 dicembre
2013

 

Basta poco

Pezzato: "Quando la semplicità batte la coda"
Per le spiegazioni sulla Tares il funzionario apre l'ufficio e risolve le attese in dieci minuti
  
Ieri mi è capitato di andare all’ufficio tributi del Comune per avere chiarimenti sulla Tares.
Come era abbastanza facile prevedere, molto altri hanno avuto la mia stessa necessità, quindi lunga coda agli sportelli.
Tralascio di descrivere lo sdegno personale – ma credo condiviso - per questa insulsa operazione del governo, servita solo a creare confusione e disagio per i cittadini.
All’ufficio tributi ci sono due sportelli, ma gli impiegati sono molti di più.
Normalmente avremmo atteso che i due sportelli lentamente smaltissero la fila, gli enti pubblici non brillano certo per flessibilità nell’adattarsi a situazioni contingenti.
Invece è successo il contrario.

La dirigente del settore (almeno penso fosse lei, ma non conoscendola personalmente potrei sbagliarmi) ha messo a disposizione il suo e gli altri uffici per ricevere le persone in coda e procedere velocemente.

EFFIC.jpg (30466 byte)

Un’idea semplicissima e brillante, tanto che nemmeno dieci minuti più tardi la situazione era risolta ed era rimasta solo una signora ad uno degli sportelli.
Stamattina ho pensato di scrivere queste poche righe, perché è sempre facile dare sfogo ai giudizi negativi (soprattutto nei confronti della pubblica amministrazione e dei suoi impiegati), meno facile segnalare qualcosa che ha funzionato bene o qualcuno che è andato oltre il minimo sindacale.
Magari altri cittadini che hanno frequentato l’ufficio tributi in questi giorni sono stati meno fortunati di me, non lo so. Io riporto quello che ho visto, e anche fosse stata la prima volta che succedeva va bene comunque.

Abbiamo bisogno assoluto di tutti quanti hanno conservato lo spirito per contribuire a rimettere in piedi questo meraviglioso paese (mi riferisco all’Italia prima che a Roncade).
Perciò mille grazie alla dirigente(?) del servizio e ai suoi collaboratori per averci regalato uno spettacolo degno di uno stato civile e moderno. È valso davvero tutti i denari che quotidianamente paghiamo per il biglietto d’ingresso a teatro.

  

Lorenzo Pezzato

  

 
Condividi su Facebook