TIT.jpg (17099 byte)
 
ROBIN.jpg (13238 byte)
   
Venerdì
1 marzo
2013

 

In trend we trust

Pezzato: "Accidenti, che risveglio con il contemporary shopping"
Turbare un equilibrio da troppo tempo stabile è sempre ottima cosa, spesso l’unica da fare per infrangere l’empasse soporifera e alla lunga letale
  
Le mode corrono, cambiano in fretta, il trend muta e ciò che ieri era trendy oggi non lo è più.
Ieri in Veneto poteva essere trendy dirsi padani, oggi pare lo sia il dirsi stellati.
Ieri era trendy l’outlet, oggi lo è il contemporary shopping.
Accidenti, il risveglio porta venti di novità. Anche se, inutile nasconderlo, quei venti ancora puzzano di chiuso, di vecchio.
Ma un passo avanti è un passo avanti, turbare un equilibrio da troppo tempo stabile è sempre ottima cosa, spesso l’unica da fare per infrangere l’empasse soporifera e alla lunga letale. E così succede che questo sia un giorno inconsueto, non è cambiato proprio nulla nel concreto, forse è cambiato qualcosa nel modo di percepire il concreto, ma lo vedremo presto.

TREND.jpg (41255 byte)

L’inconsuetudine di un sorriso legato all’improbabilità, all’incapacità di prevedere cosa succederà domani e all’esserne felici, come se qualunque alternativa fosse preferibile allo stato di fatto. Ora piccoli segnali ci raccontano di uno spiraglio, delle bolle in superficie confermano che l’alternativa sepolta sul fondo è ancora in vita, che è possibile passare dalle spade alle stelle, dagli outlet al contemporary shopping in collaborazione con la Triennale di Milano.

Martedì scorso è stato davvero appagante prendere il caffè nelle sperdute campagne di Biancade, leggere online i risultati elettorali e venire a conoscenza del fatto che potrebbe capitarmi di assistere a qualche evento artistico interessante a due passi da casa.

In trend we trust. Speriamo continui così.

  

Lorenzo Pezzato