TIT.jpg (17099 byte)
 
ROBIN.jpg (13238 byte)
   
Mercoledì
10 ottobre
2012

 

Tullio, si costruisce anche con i blog

Pezzato: "Ricordati che le 'ciance' sono dialettica democratica"
Io avevo offerto le mie competenze ma sono stati preferiti i fedelissimi delle adunate di partito. Con risultati scontati
  
Cara Chiara,
intanto possiamo darci del tu come abbiamo sempre fatto e come spero continueremo a fare.

Ho trovato molto livore nelle tue righe, ma posso capire lo sfogo.
Metterci la faccia e l’impegno per «costruire una città migliore» è un’iniziativa lodevole senza dubbio, ma non per questo necessariamente efficace. E non ne faccio un caso personale o multipersonale, ne faccio un caso di Amministrazione latu sensu. Quando ho parlato in modo critico dei giovani che vi prendono parte l’ho sempre fatto dicendo che l’abbassamento dell’età anagrafica in proporzioni minime non ha inciso sull’azione.
Se il soggetto fotografato è brutto la cosa non può essere imputata al fotografo.

Capirai dunque che non c’è alcun gioco dell’”Indovina chi” cui partecipare, e io non sparo a zero su niente e nessuno. Mi limito a descrivere il mio personale punto di vista su alcune questioni e non mi aspetto sia universalmente condiviso.

Ne approfitto per dire che il mio modo di contribuire è sicuramente di stampo giornalistico, diciamola così, ma se scorri l’elenco dei miei interventi in questi anni penso potrai smentire in autonomia l’impressione che non ci sia stata partecipazione da parte mia.
A meno che tu non ritenga che un’idea proposta su un blog – ad esempio - abbia meno valore della stessa proposta durante una iniziativa di qualunque referato.

DEMOCRAZ.jpg (46361 byte)

Ne approfitto anche per dire che a suo tempo avevo offerto a chi di dovere le mie modeste competenze e il mio molto tempo libero per partecipare anche dall’interno al tentativo di «costruire una città migliore», per citarti di nuovo. Si è preferito fare altrimenti – naturalmente in modo più che legittimo - preferendo gli assidui frequentatori delle adunate di partito (o di lista civica, o di associazione), delle campagne elettorali o delle distribuzioni di volantini. E certe logiche sono destinate a portare risultati scontati.

Per concludere e non annoiarci, vorrei lasciare un appunto.
Lavorare mentre gli altri «cianciano» – soprattutto i media - è parte integrante del ruolo del rappresentante politico di qualunque livello. Quel cianciare a cui il rappresentante offre cortese risposta alcuni la chiamano dialettica democratica.

Ti lascio con un sorriso e con l’incitamento a continuare nel tuo impegno (anche con la promessa di offrirti un caffè la prossima volta che ci incontriamo).

  

Lorenzo Pezzato