TIT.jpg (17099 byte)
 
ROBIN.jpg (13238 byte)
   
Giovedì
14 giugno
2012

 

Pensare ai bambini fra rampe e viadotti?

Pezzato: "Meglio che ci fermino prima che sia troppo tardi"
In "Roncade Notizie" si celebrano autostrade, ferrovie e centri commerciali, incongruenti rispetto al futuro delle nuove generazioni
  
Mi è stato recapitato Roncade notizie.
Come al solito l’ho aperto per scorrere velocemente i titoli e vedere se ci fosse qualche argomento che m’era sfuggito, qualche novità.
Non ho potuto fare a meno, anche per deformazione professionale, di percepire una sottile ma sostanziale incongruenza di fondo nella scelta degli articoli e degli interventi da pubblicare.

A pagina 1 campeggia la questione dell’Outlet che ha divorato territorio e, se mai verrà aperto, risucchierà in un buco nero una fetta del commercio roncadese, creando una mole di traffico veicolare insostenibile.

Pagina 2 si apre con “Tav: sì al tracciato ferroviario…” dove si evidenzia l’importanza dell’opera per lo “sviluppo infrastrutturale del nostro territorio”. Si prosegue con “Zaia scrive al sindaco Rubinato: il casello sarà Roncade-Jesolo” dove si dice che “l’Amministrazione comunale ha sempre ritenuto che questa fosse una circostanza di non poco rilievo anche perché costituisce un’importante occasione di promozione del territorio.” Si passa poi a “Via libera del Cipe all’Autostrada del Mare…” dove si sottolinea la battaglia dell’Amministrazione roncadese per la gratuità del percorso per i residenti.

A pagina 4 invece troviamo “Lavori terza corsia A4: il punto” dove vengono snocciolati una lunga serie di lavori tra rampe, cavalcavia e sottopassi.
L’epica chiosa dell’editoriale del Sindaco suona così: “Pensiamo ai nostri bambini, ai nostri giovani e teniamo duro per loro. Altre generazioni l’hanno fatto per noi, per conquistarci la libertà ed il benessere, anche a prezzo della vita. Ora tocca a noi fare la nostra parte pensando non solo al nostro bisogno presente, ma anche ai bisogni delle future generazioni.”

Impossibile non lasciarsi scappare un sorriso amaro.
Se questo è il futuro che stiamo preparando per le future generazioni è meglio che queste intervengano subito e ci fermino, prima che sia troppo tardi.

Dimenticavo (e non c’entra con il ragionamento, ma colgo l’occasione per riproporre un vecchio cavallo di battaglia).
A pagina 5 veniamo informati della ristrutturazione informatica del comune grazie all’accordo con H-Farm. Rinnovo l’appello per l’installazione di una webcam nella sala Consigliare e la trasmissione in streaming delle sedute, o in alternativa la registrazione (andrebbe bene anche solo audio, al limite).

Lorenzo Pezzato