TIT.jpg (17099 byte)
 
TEATRO.jpg (6639 byte)
   
Martedì
8 novembre
2011

 

Teatro, bisogna aspettare ancora

Tarda la realizzazione del progetto promesso nel 2008
Si tratta di un accordo con Silvio Basso per una parte delle ex officine Menon in cambio di un aumento di cubatura
  
Era stata annunciata nell'ottobre del 2008 ma per avere la sala teatrale-polivalente di cui all'epoca l'amministrazione comunale aveva parlato si dovrà ancora aspettare.

Non che il percorso si sia interrotto. Però fatica a trovare la quadra e dunque, a più di tre anni, di strada se n'è fatta poca.

Il progetto, previsto da una delibera del 29 marzo del 2008, è strutturato attraverso un accordo con il proprietario delle officine ex Menon, cioè Silvio Basso. Un vecchio capannone del complesso, stimato allora circa 200 mila euro (ma eravamo in epoca pre crisi, oggi il valore dovrebbe essere ritoccato in basso), dovrebbe essere trasferito al Comune assieme a contributi per il suo recupero fino a 400 mila euro.
In cambio, in estrema sintesi, c'è un aumento della cubatura in sede di recupero per 12 mila euro ed il via libera alla realizzazione, al suo interno, di una “media struttura commerciale di servizio”.

L'iter però è ancora di fatto in freezer in seguito ad una richiesta di proroga dei termini entro i quali Basso avrebbe dovuto presentare una garanzia in forma di fidejussione al Comune. Il motivo sta in un ritardo di un'intesa che a sua volta il proprietario sta cercando di raggiungere con altri privati confinanti e connessa alla cessione, a suo favore, di un'area a quanto pare determinante ai fini della sostenibilità del suo disegno.
A questo punto, dunque, si impone un tavolo con più soggetti per individuare un'alchimia di accordi concatenati che vada bene a tutti. Cosa che, assicurano ancora da via Roma, dovrebbe avvenire nel l'arco di poche settimane.

 


     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665