TIT.jpg (17099 byte)
 
STRAD.jpg (20986 byte)
   
Mercoledì
12 ottobre
2011

 

Via Stradazza riapre

Alternativa impraticabile, vanno considerate altre proposte
Il Comune tiene sotto scacco Autovie Venete. Riccardi: "Attenzione, potremmo chiedere risarcimenti per i ritardi"
  
Via Stradazza riapre.
Temporaneamente, s'intende, perché prima o poi i lavori per l'abbattimento del cavalcavia per far spazio alla terza corsia della A4 devono essere affrontati.
Nel frattempo, però, si è capito che la viabilità alternativa proposta da Autovie Venete - che costringe i residenti a sud dell'autostrada diretti nel capoluogo a compiere un giro lunghissimo per Ca' Tron - non è accettabile, se si considerano i tempi biblici di attesa ai passaggi a livello inclusi nel percorso di by pass.

Via Stradazza, insomma, dopo una settimana riapre nella speranza che nel frattempo la società autostradale consideri una soluzione diversa e molto più agevole proposta dall'amministrazione comunale, la quale ha la caratteristica di essere stata disegnata utilizzando strade private.
I proprietari non si oppongono al passaggio del traffico ordinario sulle loro terre per alcuni mesi ma, è evidente, chiedono un compenso.

Dunque, Autovie Venete e questi privati devono trovare un'intesa. Per questo è fissato un vertice in Comune lunedì 17 ottobre. I massimi responsabili della società committente e quelli delle Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia sono stati invitati, dato che ad una comunicazione formale in cui li si sollecitava a considerare la soluzione più breve non hanno risposto.
Pare che l'alternativa sia stata posta dall'amministrazione roncadese in modo perentorio: o così o via Stradazza non verrà nuovamente interdetta al traffico e dunque quel cavalcavia non lo si potrà toccare.

 


 
AUTOSTRADE:A4; RICCARDI, SABATO INCONTRO CON SINDACO RONCADE

PER SBLOCCARE CANTIERE TERZA CORSIA DOPO ORDINANZA COMUNE

(ANSA) - TRIESTE, 13 OTT - "Nella giornata di sabato
prossimo incontrerò il sindaco di Roncade, come sempre
disponibile ad ascoltare e a prendere in considerazione tutte le
richieste che giungeranno da quel Comune". Lo afferma oggi
l'assessore regionale e commissario per la terza corsia dell'A4,
Riccardo Riccardi.
Dopo decisione presa ieri dal Comune, che aveva ritenuto
opportuno sospendere l'ordinanza di chiusura di un tratto di un
strada interessato dai lavori, Riccardi sottolinea in una nota
di avere "tutta l'intenzione di mandare avanti il cantiere nel
rispetto dei tempi stabiliti. Il mio compito è fare i lavori
applicando i poteri che mi sono attribuiti, anche derogando in
sostituzione degli enti preposti in via ordinaria e
formalizzando ogni atto occorrente per la realizzazione delle
opere. Comprendo i disagi, che cercheremo di limitare al
massimo, ma non posso fare a meno di rilevare come a due anni e
mezzo dalla Conferenza dei Servizi - sottolinea - non si possano
ricevere, e in questo modo, ordinanze del genere".
La struttura commissariale sottolinea che l'amministrazione
comunale di Roncade aveva partecipato alla Conferenza dei
Servizi del 9 febbraio 2009. Il rifacimento del cavalcavia lungo
la strada comunale Santa Fosca (via Stradazza) era previsto
nell'ambito di quel progetto ed "era chiaramente illustrato
anche il percorso alternativo individuato durante le fasi di
cantiere per la demolizione ed il rifacimento del cavalcavia",
osserva Riccardi. "Se dunque ascolteremo le ragioni del Comune
- prosegue - devo comunque ricordare che le leggi vigenti
confermano come in questi casi viene messo in essere un
'comportamento suscettibile di dare luogo a un aggravio del
procedimento' in grado di generare danni - conclude - con
relativa potenziale richiesta di risarcimento". (ANSA).
 

     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665