TIT.jpg (17099 byte)
 
GUIDA.jpg (10989 byte)
   
Lunedì
18 luglio
2011

 

Pirata ubriaco bloccato a Biancade

Un ventottenne di Roncade provoca un incidente e scappa
Una pattuglia in servizio se ne accorge e lo insegue. Aveva nel sangue alcol per oltre 1,5 grammi per litro
  
Provoca un incidente e scappa, sotto gli occhi di una pattuglia della polizia locale in servizio.

E' stata una coincidenza fra quelle che la statistica concede di rado alle forze di polizia quella toccata ieri notte ad un giovane di Roncade, M.G., risultato poi in tutta evidenza obnubilato da una quantità d'alcol nel sangue che gli avrebbe permesso a malapena pure di camminare.
Incidente senza feriti, va detto, con qualche graffio per l'unico occupante dell'automobile colpita dalla vettura dell'ubriaco. Il quale, anch'egli da solo a bordo, ha comunque tirato dritto a prescindere.
Incrocio di periferia, traffico minimo e strade buie di campagna che si diramano. Tentare la fuga, pur in deficit di lucidità, non dev'essergli sembrato un'opzione priva di speranze. E gli sarebbe anche andata “bene”, in effetti, non fosse stato per quella pattuglia di vigili interforze, cioè i poliziotti associati di Roncade, Quarto d’Altino, Meolo, Silea e Fossalta di Piave in ordinario servizio di ricognizione.

La "Opel Tigra" del fuggiasco, reo di non aver concesso la precedenza all'altezza di un incrocio a Biancade, ha avuto un paio di chilometri lungo via Carboncine per cercare di seminare gli inseguitori, ma alla fine ha ceduto. Prima di riprenderla in mano il guidatore dovrà aspettare a lungo e non a causa dei lavori di carrozzeria. L'etilometro è schizzato oltre la soglia di 1,5 grammi per litro, la patente è stata ritirata sul posto e se non è scattato l'arresto è grazie ai danni fisici irrilevanti riportati dalla persona offesa, un coetaneo di San Biagio di Callalta alla guida di una Peugeot 307.
Oltre alla guida in stato di ebbrezza, in ogni caso, il giovane etilista originario di Jesolo ma residente da qualche anno nel trevigiano è formalmente indagato a piede libero per fuga ed omissione di soccorso.
Codice alla mano, al netto delle condanne sul piano penale e pur dotandosi di un buon avvocato, sarà difficile che possa riottenere la patente di guida prima di un paio d'anni.

Al di là del gioco fortunato della casualità, l'intervento della polizia è stato reso possibile dalla scelta assunta dalle amministrazioni comunali del territorio di intensificare la vigilanza nel periodo estivo ed in particolare nelle notti dei fine settimana. Un'attività resa praticabile grazie ad una sinergia fra municipalità confinanti che ha consentito la condivisione del servizio anche attraverso l'assunzione a tempo determinato, con la ripartizione del carico fra tutte, di alcuni agenti. Strategia necessaria, sottolinea il primo cittadino di Roncade, Simonetta Rubinato, “avendo la giunta regionale di Luca Zaia azzerato i contributi per i servizi di vigilanza notturni”.
  


     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665