TIT.jpg (17099 byte)
 
LAPIDI.jpg (12123 byte)
   
Giovedì
18 agosto
2011

 

Non entrate in quella chiesa

Ci sono lapidi pericolanti all'ingresso della cappella del cimitero
Lastre di marmo da 65 kg appese a due metri da terra deformate e trattenute da cunei di legno
  
Le cause del fenomeno dovrebbero essere studiate.
Rimane il fatto che il marmo, per quanto rigido, sottoposto a sollecitazioni tende ad espandersi, e se è inserito in un foro dagli spigoli meno elastici si gonfia al centro, come una torta margherita in forno dentro una casseruola.
Rimane anche il fatto che ogni materiale soggetto a pressioni uguali e contrarie si deforma ma solo fino ad un certo punto. Poi si spezza come un guscio di noce stretto da una pinza, oppure rompe i vincoli che lo contengono o lo trattengono.

Tutto questo per dire cosa sta succedendo e cosa potrebbe accadere alle lapidi dei religiosi ai lati del portico che immette nella cappella del cimitero di Roncade.

LAPIDE2.jpg (111263 byte)


Le più alte, che sono quelle ancora disabitate, sono le più pericolose.
Considerando che la loro dimensione è di 205 per 63 centimetri, per uno spessore di due, valutando un peso specifico del marmo (minimo) di 2.500 chilogrammi per metro cubo, vuol dire che ciascuna di esse pesa almeno 65 kg.

Se se ne stacca una attaccata a due metri dal suolo - considerato che, data la larghezza del passaggio, chi entra nella chiesetta può facilmente trovarsi nell'arco di parabola della caduta - è altrettanto facile che l'interessato si trovi nel luogo giusto per la sua nuova condizione.

LAPIDE3.jpg (27990 byte)

Ucciso da anonima quanto attualmente inutile lastra pericolante, lasciata nella sua minacciosa posizione da tutt'altro che anonimi responsabili della pubblica incolumità.

LAPIDE1.jpg (27319 byte) Per niente ignari del problema, va anche detto, visto che qualcuno ha pur provveduto a ridurre il rischio. Martellando nelle fessure fra marmo e cemento due cunei di legno, buoni al massimo da far da fermaporte.

Un qualsiasi avvocato ci spiegherebbe che, in caso di incidenti, il reato colposo (lesioni se non qualcosa di peggio) sarebbe aggravato dall'accettazione del dolo eventuale.
In conclusione, non dovrebbe essere un sito web privato ad avvisare il pubblico del pericolo ed a consigliare i fedeli, se proprio fosse irrinunciabile andare a messa in quella chiesa, di passare in fretta camminando al centro del corridoio.


     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665