TIT.jpg (17099 byte)
 
HFARM.jpg (7928 byte)
   
Martedì
22 febbraio
2011

 

H-Farm si ingrandisce

Aumento di capitale ed operazioni immobiliari a Ca' Tron
Donadon: "Ict a livelli pre crisi. Valori reali e non una nuova bolla come dieci anni fa”.
  
Aumento di capitale, e non sarà l'ultimo, per H-Farm, l'incubatore di imprese delle Ict di Ca' Tron di Roncade, presieduto da Riccardo Donadon.
Nella compagine societaria sono entrati nuovi soci come Luca Marzotto (Zignago Vetro), Nicola Riello (presidente Riello Investimenti), Mauro Banchero (presidente ICT Team ed ex amministratore delegato SunMicrosystem), Barbara Donadon (amministratore delegato Altana) e Riccardo Lorenzini (fondatore dell’omonima e storica società di comunicazione), mentre hanno sottoscritto l'operazione imprenditori già appartenenti alla squadra come Lauro Buoro, presidente di Nice, e Giovanni Zorzi, dell'omonima società dei veicoli industriali.
L'investimento complessivo è vicino ai 10 milioni di euro, che salirà entro l'inizio dell'estate con l'ingresso di nuovi partner.

“Si tratta – ha detto Riccardo Donadon – di figure tutte estremamente interessate alle possibilità di sviluppo di questa realtà la quale, a regime, dovrebbe arrivare a creare una dozzina di nuove aziende digitali l'anno. Finora quelle sulle quali abbiamo scommesso sono state 25, a marzo ne attiveremo altre 7 e 5 sono in previsione per ottobre. Nel 2011 si attendono tre exit, cioè vendite con il mantenimento di una quota di minoranza, secondo il nostro consolidato modello”.

H-Farm intanto sta preparando altri spazi. La struttura esistente, sulla riva sinistra del Sile, sul lembo più meridionale della provincia di Treviso, sarà raddoppiata la prossima estate mentre nella “Villa Annia”, acquistata dalla Fondazione Cassamarca, proprietaria della tenuta, partirà presto una scuola per giovani intenzionati a lanciarsi nel mondo delle Ict. Il resto degli interventi immobiliari sarà oggetto di un masterplan di prossima elaborazione.
“Il 2011 è partito benissimo – conclude Donadon – e possiamo dire che i valori in gioco attribuiti alle società di questo settore sono tornati ai livelli pre-crisi. Sono convinto che si tratti di valori reali e non, come qualcuno sostiene, di una nuova bolla come dieci anni fa”.

     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665