TIT.jpg (17099 byte)
 
BRUTUS.jpg (12852 byte)
   
Martedì
7 giugno
2011

 

Inquinamento, orti e serre a rischio

Gambirasi: "Se il Musestre è sporco lo sono pure i fossi"
All'Arpav ci credo poco, meglio chiedere il parere anche di un laboratorio indipendente
  
Sono stati eseguiti degli studi negli anni scorsi, di cui esistono in Comune a Roncade le tavole del piano idraulico (Tpi), riguardanti il sistema di canalizzazioni per l'irrigazione ed il deflusso delle acque.
Sarebbe importante, senza fare dell'ingiustificato allarme, avvisare la cittadinanza - soprattutto coloro che usano l'acqua per l'irrigazione, le serre e gli orti - che, se nel fiume Musestre la flora è scomparsa, esiste la possibilità, che nell'utilizzo della medesima si possa incorrere nella bruciatura dei raccolti, oltre che nell'inquinamento con sostanze che inevitabilmente entrerebbero nel ciclo alimentare.
Prevenire è meglio che curare.

Gli scoli sono parecchi, partono tutti - tranne la Pentia - dalla sponda sinistra del fiume, si estendono verso est, alimentando una fitta rete di fossati che interessa un'area di circa 22 kmq, cioè una fetta consistente di territorio fertile.

Quelli principali sono: la Fusana, la Varnazza, la Piovega, il S. Giovanni, mentre altri sono più a nord, sfociano alcuni sul fiume Vallio, (anche questo inquinato) altri sul Sile, portando con loro il carico inquinante.
In quanto all' ARPAV, nutro una certa diffidenza. Mi viene in mente il caso De Longhi, dove vennero bruciati quintali di sostanze plastiche, polistirolo, tetti in eternit, per questi non esisteva, l'inquinamento da diossina …....

Sarà ma non ci credo  come penso e proporrò al comitato, di autofinanziarci e optare per un laboratorio indipendente, giusto per fare delle comparazioni, delle acque e dei fanghi e, se riusciremo a prendere qualche pesce, lo stato di salute.
 

Giuseppino Gambirasi

     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665