TIT.jpg (17099 byte)
 
EMISF.jpg (13242 byte)
   
Lunedì
24 ottobre
2011

 

Prima, volendo, a messa, ma poi all'Emisfero

Mega vela pubblicitaria parcheggiata impunemente sul sagrato
Al parroco non è stato chiesto nulla, lo spazio è privato e non c'è divieto di sosta. Tutto gratis e regolare
  
Non ne abbiamo parlato prima per non dare ulteriore pubblicità ad un'impresa commerciale che non ha alcuno scrupolo nell'occupare spazi privati e sacri per pompare sul proprio business.
Le fotografie qui sotto sono di venerdì scorso, 21 ottobre.

E' vero che un po' alla volta gli ipermercati, più che le chiese, stanno diventando consolidati luoghi di rituale frequentazione festiva.
Da qui a sfruttare - senza peraltro chiedere permesso - le aree parrocchiali per azioni di proselitismo pagano, però, ce ne passa.
 
EMIS.jpg (152783 byte)

Così come sembra paradossale che l' appendere una locandina in formato A4 in un qualsiasi luogo pubblico comporti l'obbligo di pagare, giustamente, una tassa di affissione mentre deturpare la prospettiva data da una chiesa del '700 ed una villa del '500 con metri quadrati di manifesto pubblicitario sia legale e gratuito.

Interpellato in materia, l'incolpevole parroco spiega di non aver avuto dal conducente la benché minima richiesta di ospitalità su uno spazio che di fatto è casa sua.
“E' il solito che va a mangiare nella trattoria di fronte”, ha detto.
Un pasto lungo, di almeno due ore. Una pausa pranzo che coincide con l'orario di lavoro, dato che il lavoro consiste nel parcheggiare la “vela” e lasciarla lì.

EMIS2.jpg (151656 byte)

Del resto, quando si chiude un occhio per molto tempo su veicoli in sosta in luoghi impropri (le altre vetture fotografate non sono più belle, paesaggisticamente parlando. Sono solo più piccole), si rischia inevitabilmente la degenerazione. C'è poi da chiedersi perché si dovrebbero investire tanti soldi sul restauro e sulla conservazione di una chiesa quando basta il parcheggio predatorio e impunito di un poveretto qualsiasi a stravolgere il quadro.

La regola è sempre quella: quando non c'è educazione alla bellezza la libertà apre i varchi all'indecenza.
 


     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665