TIT.jpg (16363 byte)
 
UDC.jpg (13072 byte)
   
Martedì
12 ottobre
2010

 

Tav a Musestre: e la Lega che dice?

Guerra: "Al Carroccio piace la fiction, non la politica vera"
Le maggiori polemiche sorgono quando i cittadini non vengono coinvolti sin dalle prime fasi di sviluppo del progetto
  

COMUNICATO

“TAV: alla ricerca delle ragioni di un ritardo da colmare!”

Dalle notizie che si possono leggere dai quotidiani si scruta la possibilità che il territorio del Comune di Roncade possa essere attraversato dal tracciato dell’alta velocità che dovrebbe completare il tratto Milano/Trieste e di conseguenza emergono le prime preoccupazioni da parte della cittadinanza e da parte di chi la politica cerca di farla o di proporla.

“Tutti sappiamo quanto sia difficile in Italia realizzare una grande infrastruttura e questo vale per qualsiasi infrastruttura pubblica. A tal proposito si è abituati a ripetere che la colpa è dell’inefficienza dell’apparato pubblico e per alcuni versi questa affermazione è vera”.

“Per anni abbiamo vissuto l’emergenza infrastrutturale che ha richiesto la quantità e quindi il fare presto a prescindere dal rispetto dell’ambiente ed è per questo che per tanti anni il progettista si è “limitato” ad assicurare la stabilità dell’opera; cioè il progetto era finalizzato solo ad assicurare che una determinata struttura fosse stabile ed efficiente. Oggi questo non basta più; anzi serve uno sforzo maggiore per studiare e dimensionare l’opera affinché possa rispondere al meglio a questioni ambientali, paesaggistiche, sociali, culturali e finanziarie”.

Non è più possibile che l’Amministrazione pubblica si soffermi a valutare solo ed esclusivamente calcoli e disegni perché gli ingredienti per ridurre il rischio di intoppi nello sviluppo di un progetto sono diversi e si devono integrare tra loro in modo armonico.

“Una componente che è diventata ormai parte rilevante nella fase di progettazione di ogni infrastruttura è il rispetto dell’ambiente. Se tanti anni fa poteva accadere che gli amministratori considerassero troppo oneroso avere un occhio attento all’ambiente, oggi è vero il contrario”.

“Un'altra componente importante è l’opinione pubblica e le maggiori polemiche, giustamente, sorgono quando i cittadini non vengono coinvolti sin dalle prime fasi di sviluppo del progetto com’è successo anche a Roncade dove si è venuti a conoscenza che la Italfer – gruppo FS - ha ordinato l’effettuazioni di carotaggi senza che l’Amministrazione Comunale ne sapesse nulla. La Lega Nord che dice a tal proposito?! Zaia va a braccio stretto con la comunicazione … ma forse è più facile dedicarsi alle fiction televisive piuttosto che mettersi a far Politica con la P maiuscola”.

Perché di politica si tratta: “nonostante il Veneto e il Friuli Venezia Giulia siano regioni confinanti in senso fisico e omogenee per guida politica, l’alta velocità nel tratto tra Venezia e Trieste è ancora allo stato embrionale. L’imperativo ora è licenziare il progetto preliminare entro l’anno, così da rassicurare l’UE e ottenere i finanziamenti comunitari e nella fretta può succedere di tutto, anche che ancora una volta il rispetto dell’ambiente resti una chimera. Del resto non si può non notare che le due regioni, nonostante l’affinità politica, abbiano richiesto il commissariamento dell’opera come dire: questa patata che la sbucci pure qualcun altro, magari con i super poteri che in diverse occasioni il commissariamento di un’opera ha comportato”.

Per l’Ass.re Chisso l’etica della politica è l’elemento che ci consente di fare; “forse è doveroso rileggere attentamente il vero significato del termine etica, onde evitare che sia solamente una bella parola da citare ogni tanto qua e là nei tanti discorsi che quotidianamente vengono sfornati”.

“Necessitiamo di una politica che faccia prima per fare bene, nel senso che si metta per tempo a guardare al futuro di un territorio - tralasciando magari temi come la caccia in deroga - per avere il tempo giusto e doveroso per la conseguente stesura del progetto soprattutto quanto questo risulta impattante come per la TAV”.

 

Il Coordinatore
Guerra Christian

     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665