TIT.jpg (17099 byte)
 
NONSO.jpg (14398 byte)
   
Giovedì
28 ottobre
2010

 

Tav: non mi arrendo e voglio sapere

Zeno Lorenzon: "Conoscere e partecipare sono dei doveri"
Mi rivolgo a tutti perchè qui ci si sta passando la patata bollente l'uno con l'altro
  

Gent. redazione,

volevo dare un titolo a questo mio scritto e non avendo un interlocutore credibile a cui rivolgermi, ho pensato che sarebbe stato giusto rivolgermi a tutti, al mio sindaco, alla giunta comunale, alle forze di opposizione e infine (ma non per ultimo) ai miei concittadini, a tutti quei cittadini che credono nella democrazia fatta di partecipazione, di informazione, di confronto e di chiarezza.

Dico questo perchè io sono ancora in attesa di avere informazioni per quanto riguarda il passaggio della Tav nel territorio roncadese; devo onestamente prendere atto che non è facile per nessuno ottenere chiarezza da parte delle istituzioni regionali, provinciali e comunali e questo evidentemente perchè tutti tendono a passare la patata bollente ad altri soggetti; essere responsabili e coerenti con il mandato che i cittadini hanno dato a tutti costoro, evidentemente non è ritenuto da nessuno un elemento di priorità ne tantomeno un dovere di democrazia.

L'unico elemento di informazione rimangono i media, giornali, televisione, roncade it dove tutti si rivolgono per esternare un qualcosa inerente anche alla Tav; si rivolgono anche chi vorrebbe che i cittadini non lo facessero; ed è proprio dalla Tribuna di Treviso del 26/10 che apprendo quanto dichiarato dall'ex presidente Galan e cioè: la Tav Trieste /Venezia (aereoporto Marco Polo), Padova e Verona, è scomodo da dire ma si farà perchè questa è la verità; Vicenza al centro di discussioni da mesi, verrà bypassata.

Ecco dunque un altro tassello che va ad aggiungersi a quel mosaico che inevitabilmente si va a completare, la ferrovia a Musestre non è un semplice segno di matita su un foglio di carta, ma una realtà che merita, a mio avviso,
di essere portata a conoscenza dei cittadini.

Come già detto mi rivolgo a tutti con questo mio scritto, a quelli che si trovano in mia compagnia e che hanno avuto modo di esprimersi anche attraverso questo sito, ma anche a tutti coloro (e sono molti) che per motivi diversi non ritengono opportuno esprimersi apertamente ma che, come noi, attendono da troppo tempo risposte che tardano ad arrivare e che forse non arriveranno mai.

Non conosco personalmente il sig. Dino Lorenzon, ho letto il suo scritto e ne condivido il contenuto; su una cosa mi permetto di dissentire e cioè io non ritengo che la Tav sia ormai parte della storia, (almeno per quanto mi riguarda) cosi come non ritengo storia passata la sistemazione del guard rail in via Principe e la messa in sicurezza della stessa.

L'esperienza mi insegna che ci sono almeno due modi per sconfiggere quel cittadino troppo "invadente": o si danno risposte evasive,di facciata e lo si ringrazia, oppure lo si ignora. Ma uno come me, che ritiene un dovere partecipare alla vita del proprio territorio (non vorrei si pensasse che il territorio è esclusiva di qualcuno), chi come me ritiene che democrazia
e libertà sia uguale a partecipazione, non è uno che si arrende facilmente.

Ringraziando per lo spazio che certamente vorrà concedermi la saluto cordialmente

Zeno Lorenzon

N.B.
Non so perchè lo dico ma ci tengo a farlo, ci sono persone culturalmente preparate, ma l'intelligenza è un'altra cosa; l'intelligente ascolta e sa rispondere

     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665