TIT.jpg (16363 byte)
 
SENECA.jpg (14990 byte)
   
Giovedì
2 luglio
2009

 

Dalla scuola il senso della cooperazione

Zottarelli: "Abbiamo bisogno però di grandi educatori"
Non contano tanto le scoperte che faranno compiere ai loro allievi, quanto l'insegnamento del modo per cercarle
  
Gentile Direttore,

colgo l’occasione attraverso il suo sito (roncade.it) per ringraziare pubblicamente la Maestra Paola Carettin per gli Auguri che ha inteso inviare con la sua lettera al Signor Sindaco e ai nuovi Assessori del Comune di Roncade di un buon lavoro per i prossimi cinque anni di amministrazione.

Essendo stata eletta come Componente di questa nuova Amministrazione e avendo per diversi anni operato nella Scuola Elementare del Capoluogo come Rappresentante dei genitori, ho potuto rendermi effettivamente conto delle dinamiche formative e dei problemi anche di risorse che la scuola , definita dalla Maestra Carettin “Comunità di pratica”, presenta nella sua importante missione di Istituzione dedicata alla formazione dei futuri cittadini.

Credo pertanto doveroso e quanto mai sincero esprimere un vivo ringraziamento a tutto il Personale che lavora nella Nostra Scuola, in primis alle/agli Insegnanti per l’opera fino ad oggi svolta nella nostra comunità a cui si deve il buon livello educativo raggiunto dalle nostre classi di ogni ordine e grado in essa presenti.

Un livello che è stato colto anche grazie alla concreta e fattiva collaborazione dei genitori delle famiglie degli alunni e delle risorse messe a disposizione dalla Amministrazione Comunale, nonostante il difficile momento finanziario in cui versa il nostro Paese.

“La comunità di pratica “ si è così potuta concretizzare e collocarsi come tessuto sociale vivo, integrato nel Territorio Roncadese.

Negli anni da me vissuti come genitore nella scuola, non sono mancate difficoltà, fraintendimenti, scelte non sempre impeccabili, ma si è sempre cercato di guardare all’interesse dei giovani alunni.

Solo in questo modo, a mio modesto parere, la scuola oltre ad essere una “comunità di pratica” può diventare una “comunità educante”, dove i ragazzi, oltre al sapere tradizionalmente inteso, siano stimolati “ alla ricerca del vero senso della cooperazione, della collaborazione, dell’ aiuto reciproco e del rispetto tra le persone” come auspicato dalla stessa Insegnante nella sua lettera.

Ma il processo di apprendimento non si compie in automatico; servono “grandi” Educatori.

Secondo Seneca, questi saranno considerati tali non tanto per le scoperte che faranno compiere ai loro allievi, quanto per aver sapientemente insegnato loro il modo per cercarle”.
Dobbiamo allora convenire che non tutti siamo grandi allo stesso modo; non per questo bisogna rinunciare a guardare avanti e a migliorarsi.

L’ obiettivo da raggiungere è comune per cui tutti siamo chiamati ad operare insieme, esercitando fino in fondo il nostro dovere nel rispetto delle specifiche competenze.

Anche perché “ non ci è possibile comprendere la forza e la maestà della natura delle cose in tutte le loro sfumature, se con la mente ne abbracciamo solo una parte e non tutte nel loro complesso (Plinio)”.

Personalmente non posso che far tesoro di tutto il buono che è stato fatto in questi anni e, memore delle criticità e delle difficoltà incontrate , invitare me stessa ad essere ancora più propositiva , questa volta, anche nell’interesse dei “cittadini più grandi”.

Grazie per gli Auguri e Buon Lavoro, anche a Lei e a tutte/i i suoi Colleghi.

 

Pieranna Zottarelli

     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665

   
REAL2.jpg (13956 byte)

RE@LSERVICE Sas
via Roma 105, 31056 RONCADE (TV)
TEL/FAX 0422 842160