TIT.jpg (16363 byte)
 
RIO.jpg (15650 byte)
   
Giovedì
23 aprile
2009

 

Rio Sartor. Tuo senza ritorno!

Iacono 16 mesi fa disse che stava per essere sistemato
La serie dei problemi descritti in sette anni è formidabile. Osservatori Onu ipotizzano che il manufatto porti sfiga
  

"...Risulta vero che l’impianto, utilizzando il contatore del Municipio per il suo funzionamento, creava delle disfunzioni alla rete idrica degli uffici comunali. Il problema è in corso di soluzione mediante la predisposizione di un nuovo allacciamento destinato esclusivamente alla fontana. Il ritardo di quest’ultimo intervento è dovuta alla necessità di fronteggiare altre priorità".

La prosa è del direttore generale, Luigi Iacono, e risale al 17 novembre 2007.
L'oggetto di cui si parla è quello che fedelmente ci accompagna a periodi regolari da almeno sette anni, cioè quella stravaganza urbanistico-architettonica che abbiamo chiamato "Rio Sartor".
Inizialmente forse recando soddisfazione al primo cittadino sotto la cui era il manufatto fu realizzato. In seguito, più ragionevolmente, solo senso di frustrazione.

Niente da fare, la patacca non gira. L'acqua ormai non viene più liberata neppure nei giorni di picco nel calendario degli eventi paesani ed il desolato pallore da piscina estiva in gennaio accompagna con costanza l'oscillante procedere dei viandanti sulla piazza del Municipio.
Quanto ci ha fatto tribolare, questo Rio Sartor, è qualcosa che si capisce digitando il suo nome nel motore interno di Roncade.it.

Quanti soldi per niente ci abbia fatto spendere è un calcolo che abbiamo perso di vista, così come abbiamo perso di vista il fatto se il Comune abbia chiesto o meno un risarcimento a So.ve.im, società cui si deve cotanta scienza idraulica e costruttiva.
Ma se di questo non si preoccupa neanche l'opposizione vorrà dire che è uno spreco di poco conto. Mica c'era il problema del patto di stabilità quando Rio Sartor è stato costruito.

Per farla breve, prima ci sono stati gli intasamenti di foglie, poi questioni di galleggianti, quindi pompe insufficienti e, alla fine, motori magari anche abbastanza potenti ma che avevano il difetto di mettere all'asciutto, quando partivano, i rubinetti del municipio.
Iacono, 16 mesi fa, come si legge sopra, parlò di un "problema in corso di soluzione". Magari quel problema è stato risolto però intanto se ne devono essere aggiunti altri.

Rio Sartor ha il malocchio, fonti internazionali autorevoli ormai non escludono che porti sfiga. Videocamere di prossimità pare abbiano colto pur distinti concittadini introdurre furtivamente una mano in tasca nel transitarvi accanto.

Rio Sartor, tuo senza ritorno! (di Prinz verdi non ce ne sono più)

     
   
REAL2.jpg (13956 byte)

RE@LSERVICE Sas
via Roma 105, 31056 RONCADE (TV)
TEL/FAX 0422 842160