TIT.jpg (16363 byte)
 
che.jpg (13799 byte)
   
Venerdì
4 settembre
2009

 

Ponte, non ripetiamo le miopie di 50 anni fa

Piovesan: "Roncade consideri meglio il progetto di Marcassa"
Le amministrazioni non procedano in ordine sparso e chiedano ad Autovie Venete di realizzare un nuovo ponte sul Sile
  
Lo avevamo già richiesto a febbraio in un comunicato stampa (http://www.viviquarto.it/Ponte_Sile_Comunicato_RC.php) e ribadiamo oggi la necessità di una conferenza di servizi tra tutti gli enti interessati per il ponte sul Sile a Musestre e più in generale sul problema traffico della zona Sud di Treviso. La realizzazione della terza corsia dell’autostrada è l’occasione per ridisegnare la viabilità della nostra zona risolvendo i problemi esistenti e, come tale, non può essere persa.

Si sente spesso recriminare sulla non lungimiranza delle scelte degli anni ’60, ovvero la Zermanesa e la S.P. 112, realizzate in quegli anni e che oggi mostrano il loro limite dovuto all’attraversamento dei centri abitati o alle strozzature che presentano. Sono scelte però di 50 anni or sono e le attenuanti per chi le ha decise ci sono tutte.
Non sarebbe però giustificabile che oggi, alla luce di tale esperienza, non si riuscisse a ridisegnare un assetto della viabilità valido per i prossimi decenni. Tanto più se tale incapacità sia dovuta a incomunicabilità, attriti ed egoismi degli enti interessati.

Al momento della presentazione delle osservazioni degli enti interessati dal progetto delle Autovie tutti i nostri comuni sono andati in ordine sparso: Quarto d’Altino è stato l’unico comune a richiedere un nuovo ponte sul Sile a Musestre presentando però un progetto non condiviso con i vicini, Roncade ha richiesto piste ciclabile verso Ca’ Tron e un percorso naturalistico lungo il fiume Musestre, le altre amministrazioni non hanno voluto o potuto cercare una sintesi.

Credo che il progetto presentato dal sindaco Marcassa sia stato troppo frettolosamente accantonato dalla nostra amministrazione perché, se è vero che c’è la necessità di portare il traffico sulla Treviso Mare e non farlo finire in via Treponti, è pur vero che il progetto rappresentava un punto di partenza importante e che soprattutto risolveva il problema della tenuta del vecchio ponte di ferro.
A mio avviso la soluzione ideale sarebbe, oltre alla realizzazione del ponte, il prolungamento della strada parallelamente alla A4 fino alla Treviso Mare; tale soluzione in aggiunta al passante Est potrebbe togliere definitivamente il traffico pesante dalla Jesolana e dalla Zermanese oltre che il traffico di passaggio da tutti i centri abitati di Casale, Quarto e Roncade.

In ogni caso credo si debba necessariamente partire dalla richiesta comune da fare alle Autovie di un nuovo ponte sul Sile il cui traffico pesante potrebbe essere inizialmente convogliato su via Gardan risparmiando i centri di Musestre e San Cipriano cosa che, se concordata in febbraio, ci avrebbe probabilmente risparmiato la pantomima della chiusura del ponte di questi giorni.


Simone Piovesan


«Via il traffico pesante dalla Casale-Roncade»

La tribuna di Treviso — 07 febbraio 2009 pagina 24 sezione: CRONACA

RONCADE. Allacciare il ponte di Musestre alla Treviso Mare e realizzare un tavolo per la viabilità della zona in relazione all’apertura del Passante, del casello di Meolo e dell’avvio ai lavori della terza corsia dell’A/4. E’ la proposta delle sezioni di Casale e Roncade di Rifondazione Comunista: «Si convochi una conferenza di servizi per risolvere i problemi di traffico della zona sud della provincia di Treviso e del ponte sul Sile a Musestre. Il ponte è attraversato quotidianamente da più di 7500 veicoli oltre che da pedoni e ciclisti, i problemi di tenuta della struttura e degli argini se non affrontati per tempo ricadranno sui cittadini - spiega Simone Piovesan - già oggi l’attraversamento del ponte per pedoni e ciclisti non è sicuro e non lo sarà neanche dopo l’apertura della famosa passerella sorta sul lato del ponte di difficile fruibilità da parte degli abitanti di Musestre e senza i dovuti interventi di allacciamento nella sponda veneziana». La proposta del comune di Quarto è di realizzare un nuovo ponte parallelo a quello autostradale in concomitanza ai cantieri della terza corsia della A4, anche se rappresenta un primo tentativo di risoluzione di un problema reale prevede lo scaricamento del traffico, anche di mezzi pesanti, sulla viabilità di frazioni come Musestre e San Cipriano. «La risoluzione del problema deve essere invece a più ampio respiro e prevedere di allacciare il nuovo ponte alla Treviso-Mare per poterne convogliare il traffico nord-sud della zona e toglierlo definitivamente dai centri di Casale, Quarto e Roncade. Si tratta infatti di convogliare il traffico pesante che grava sulla tratta Casale-Roncade con ben dodicimila veicoli giornalieri e sulla tratta Quarto-Roncade con i circa ottomila veicoli che transitano ogni giorno attraverso il vecchio ponte di Musestre. (m.g.)

     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665

   
REAL2.jpg (13956 byte)

RE@LSERVICE Sas
via Roma 105, 31056 RONCADE (TV)
TEL/FAX 0422 842160