TIT.jpg (16363 byte)
 
che.jpg (13799 byte)
   
Mercoledì
11 febbraio
2009

 

Zerbinati, ha paura di non farcela?

Piovesan: "Se spera in una mia lista è perchè le piace vincere facile"
Se analizziamo l’operato degli ultimi mandati del centro sinistra, al di là delle critiche, credo che il Comune sia stato amministrato bene.
  

Egregio Dr. Zerbinati, leggendo il suo ultimo intervento su Roncade.it mi è venuta in mente la pubblicità del gratta e vinci, quella in cui una equipe medica è tutta indaffarata ad operare… sull’allegro chirurgo e lancia lo slogan “Ti piace vincere facile?”.

Anche a Lei piace vincere facile se mi esorta alla presentazione di una lista autonoma oppure ha una gran paura di non farcela?
I partiti che sapientemente ha saputo coagulare attorno a sé, alle ultime elezioni hanno sfondato il 60% dei consensi a Roncade. Cosa teme?
Probabilmente è ricorrente nei Suoi pensieri la disfatta dell’ultima elezione comunale in cui il Suo gruppo non è riuscito a battere una Rubinato semisconosciuta: figurarsi adesso, nel caso l’attuale sindaco e onorevole si candidasse nuovamente, dato che è il personaggio roncadese di spicco su tutti i giornali!

Mi sembra affiorare una Sua sudditanza nei confronti dell’on. Rubinato anche nella vicenda del sottopasso (se non c’è riuscita una senatrice, figurarsi io, sembra di capire) ma il sindaco il miracolo di trovare i fondi per la metropolitana l’aveva fatto… Galan, però, questi soldi li ha fatti sparire.
Lei ha ragione quando afferma che le critiche di Rifondazione Comunista all’attuale maggioranza sono state forti, in particolare sull’aumento delle tariffe scolastiche e sulla discarica Bonato, ma credo abbiano portato ad un ripensamento positivo su tali questioni.

Gli aumenti di trasporto e mensa scolastici nel 2008 ci sono stati, certo, ma confido che per il 2009 vengano congelati. Per quanto riguarda la discarica Bonato credo che il grave errore dell’assessore Geromel (a cui, ad onor del vero, anche a livello provinciale si riconosce una sensibilità ambientale in linea con le precedenti nostre amministrazioni) sia stato quello di essere l’unico trevigiano a credere incondizionatamente alle parole di Muraro e di aver quindi sottovalutato la vicenda.
Tutto risolto? No. Anche nell’ultimo rapporto V.A.S. approvato assieme al P.A.T. (anche dalla destra) non si fa menzione alle discariche presenti nel nostro territorio. Le uniche criticità sono indicate nelle due cave attive. Disattenzione? Lo appureremo con le dovute osservazioni.
Comunque anche dall’ultimo bollettino comunale si evince che l’amministrazione si è presa carico del problema e questo è per noi una vittoria.

Se analizziamo l’operato dell’amministrazione negli ultimi mandati del centro sinistra, andando al di là delle critiche da noi mosse, credo che il Comune sia stato amministrato bene.
Roncade è ancora un bel paese e, soprattutto, se guardiamo alle situazioni dei comuni confinanti fagocitati dalla periferia di Mestre e Treviso, ha mantenuto una sua identità. E’ un risultato assolutamente non trascurabile.
Partendo da questo presupposto, e poiché fondamentale per il futuro di tutti noi e del nostro paese non è solo la questione ambientale ma, in particolare in questo momento, quella economica, come anche Lei afferma, una convergenza tra Pd e noi non è preclusa.
Anche il nostro Comune non è immune dalla cassa integrazione, vedi il caso Veneta Cucine, e tutti noi abbiamo conoscenti o parenti che lavorano in aziende in difficoltà, i quali nella migliore delle ipotesi stanno consumando forzatamente le ferie (e poi non si sa cosa accadrà) o hanno già perso il posto di lavoro.

Potranno essere 1, 10 o 100 i lavoratori che perderanno il posto, in ogni caso credo fermamente che NESSUNO DEVE ESSERE LASCIATO SOLO NELLA CRISI.
Su questo punto confido in un risveglio dell’anima attenta alle tematiche sociali in questa amministrazione, presente sia in assessori che in tanti consiglieri, troppo spesso assopita e messa all’angolo da una rincorsa demagogica ad uno scopiazzamento delle politiche populiste della destra.
Se questo avverrà un accordo sarà possibile.
Penso che questa sia trasparenza e coerenza, Egregio Dott. Zerbinati!
Mi permetta però di aggiungere un po’ di “fuffa da pistolotto”, come Lei la definisce, in merito alla coerenza interna al Vostro schieramento: affermazioni, come le seguenti, su inceneritori e cpt come le definisce?

Remo Sernagiotto - capogruppo Forza Italia Regione Veneto -”Gli inceneritori si devono fare: questa è anche la posizione del Governo”.
Giancarlo Gentilini - prosindaco Treviso Lega Nord -”il termovalorizzatore non soltanto è «necessario e utile» ma conveniente, al punto che se potessi ne farei uno in città”. Il ministro Maroni - Lega Nord - non ha escluso che il centro di permanenza temporanea per clandestini possa davvero aprire a Ca’ Tron. Per il Viminale sarà comunque fondamentale il consenso al progetto da parte degli amministratori.
Lega Nord Roncade “Non siamo contrari. Il sito di Cà Tron sembra rispondere alle caratteristiche richieste: è lontano dai centri abitati , vicino all’aeroporto San Marco …. magari potrebbero esserci anche dei vantaggi.”

Lei afferma nel suo programma la contrarietà ad entrambi i progetti ma poi dichiara anche “Possiamo contare sulla omogeneità e perfetta sintonia di ideali con il governo Provinciale, Regionale e Nazionale”. Io, sinceramente, non la vedo questa sintonia, credo invece che, come usa in questi anni, per accattonare voti è per lei necessario dichiarare a parole la contrarietà ai progetti di cui sopra ma, in realtà, con la destra al municipio gli stessi verranno realizzati senza ombra di dubbio.

E’ proprio su queste vicende che sono fiero di essere comunista: io non ho bisogno di sconfessare il mio partito.
Suvvia, un po’ di coerenza.

Simone Piovesan

     
   
REAL2.jpg (13956 byte)

RE@LSERVICE Sas
via Roma 105, 31056 RONCADE (TV)
TEL/FAX 0422 842160