TIT.jpg (16363 byte)
 
ROBIN.jpg (13238 byte)
   
Domenica
29 marzo
2009

 

Inceneritori, i candidati sindaco siano chiari

Pezzato: "A Silea o a Mogliano è la stessa cosa che farli a Roncade"
L'integrità e la salubrità del nostro territorio sono fondamentali per parlare in modo credibile di vino, radicchio e prodotti tipici
  

S’è fatto un gran parlare degli inceneritori che Unindustria vorrebbe realizzare a Silea e Mogliano Veneto, un polverone enorme quando il caso è scoppiato, poi l’interesse e l’attenzione sono andati scemando. Non sono nuove le strategie a lungo termine che tendono a sfibrare e sfilacciare l’opposizione dei cittadini, li si lascia sfogare, poi si lavora dietro le quinte per portare a casa il risultato contando sul fatto che nel tempo le acque si calmino.

Ma a breve ci sono le elezioni comunali, e l’occasione per rispolverare l’argomento è quantomai ghiotta, imperdibile per cercare assicurazioni dai candidati Sindaci, o se non assicurazioni quantomeno forti indicazioni di indirizzo, inequivocabili. Perché inceneritore a Silea o a Mogliano significa, tra le altre cose, inceneritore a Roncade.
E’ necessario invece puntare sulla conservazione dell’integrità e della salubrità del nostro territorio, magari lavorare per un Marchio Comunale di Origine per i nostri prodotti, per il radicchio, per i vini e le altre colture. Roncade detiene, in questo senso, un enorme potenziale latente, non sfruttato (nel senso positivo del termine), non sufficientemente valorizzato, che potrebbe invece portare visibilità e ricadute positive anche in termini di occupazione.
Trovare una soluzione alternativa agli inceneritori non è impossibile, ma certo serve un’azione armonica e coordinata anche tra i vari livelli di Amministrazione, perché sappiamo tutti che una manciata di Sindaci solitari non potrebbe riuscire a risolvere il problema.

Leggere di quei comuni (quasi sempre all’estero) che riescono, ad esempio, ad ottenere l’autosufficienza energetica ci fa spesso sognare, sogni esotici di mondi lontani dal nostro, abitati ed amministrati da creature strambe, capaci di mettersi d’accordo per il bene comune, capaci di usare la consapevolezza collettiva per essere d’esempio a sé stessi e ad altre comunità.
Quei sogni, e molti altri, sono anche alla nostra portata.
Ci vantiamo di essere gente che lavora, che mette passione nelle cose che fa, che sente la famiglia e la comunità come valori assoluti, che ama la propria terra perché dalla terra proviene orgogliosamente, che si mette a disposizione del prossimo in mille forme di volontariato, e poi? Poi con il pretesto di qualche strada da rattoppare o di qualche lampione da sostituire si divide faziosamente cercando di riflettere nel microcosmo politico comunale il litigioso macrocosmo nazionale?

Fermarsi un attimo, ora che siamo in tempo, e ritrovare unità di intenti pur conservando le legittime differenze è un atto di buon senso che porterà vantaggio a tutti, a prescindere dalla specifica questione degli inceneritori.

Lorenzo Pezzato
www.lorenzopezzato.it

     
   
REAL2.jpg (13956 byte)

RE@LSERVICE Sas
via Roma 105, 31056 RONCADE (TV)
TEL/FAX 0422 842160