TIT.jpg (16363 byte)
 
ROBIN.jpg (13238 byte)
   
Mercoledì
9 dicembre
2009

 

Caccia, serve dose extra di buonsenso

Pezzato: "Isolare gli indisciplinati tocca ai cacciatori"
Occorre un confronto pubblico e civile dal quale potrebbe uscire una specie di codice etico almeno locale
  
Ho letto gli interventi di Damelico e Donadel sull’argomento caccia.
Dico subito che sono stato contento di vedere una risposta da parte di qualcuno che rappresenta i cacciatori, intellettualmente non mi soddisfa il monologo e il confronto spesso risolve moltissimi problemi che appaiono insormontabili.

Il tema è caldo, non da oggi, e per affrontarlo ritengo sia necessaria una dose extra di buonsenso da parte di tutti.
Il fenomeno venatorio è un oggettivo problema, ed è vero che ormai si spara tra case e capannoni, come è vero che spariscono galline, che si trovano cartucce per terra e che qualcuno ad ogni stagione venga impallinato. Trovo che isolare i pochi che si comportano male sia un compito che non può spettare ai cittadini, ma deve essere scrupolo degli stessi cacciatori, soprattutto nel momento che pochi danneggiano gravemente l’immagine di molti.

Non ho idea di come questo si possa fare, non sono poi così esperto della materia, so però che ci si potrebbe incontrare per discuterne assieme.
Allora propongo un’idea al Direttore: perché non far diventare questo un argomento di una puntata di Roncade.it Outdoor? Un confronto civile e pubblico per capirsi e scambiarsi opinioni. Magari potrebbe uscirne una specie di codice etico comunale della caccia, o chissà cos’altro.

Le posizioni sono distanti, me ne rendo conto, ma la tutela del territorio, la conservazione della fauna selvatica, la gestione delle risorse ambientali e la concordia tra concittadini sono valori in comune, e bisogna cercare di accorciare le distanze.
 

Lorenzo Pezzato
www.lorenzopezzato.it

     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665