TIT.jpg (16363 byte)
  
CIBOX.jpg (6776 byte)
Dio fece il cibo, il diavolo i cuochi

Rubrica di alimentazione a cura del dr. Pietro Tullio, nutrizionista

  
2 - 8 luglio 2009

Eccomi nuovamente a parlare di nutrizione e questa volta voglio stupirvi con effetti speciali di .......stagione; vi presenterò un prodotto che per molti sembra proibito ma che rappresenta a tutti gli effetti un alimento da poter inserire tranquillamente in una dieta equilibrata : il gelato .

In effetti, in una società in cui l'alimentazione è diventata un "problema" , proporre un alimento dolce e gradevole come il gelato può sembrare
scandaloso.
In realtà la fisiologia nutrizionale insegna che come non ci sono alimenti
perfetti e completi, così non esistono alimenti pericolosi e nocivi per la
salute, se saggiamente utilizzati.

Il gelato piace a tutti e non dobbiamo dimenticare che il piacere di gustare il cibo è una componente fondamentale di un'alimentazione sana ed equlibrata, tanto più se questo piacere si basa su una tradizione di antiche e consolidate origini, come nel caso del gelato in Italia.

GELATO.jpg (44705 byte)

Qualche malpensante potrebbe obiettare che oggi esiste una forte prevalenza di sovrappeso e obesità nei bambini e negli adolescenti, ma vogliamo privarli di un gelato?
Magari preoccupiamoci di far praticare loro un'ora di attività fisica tutti i
giorni e lasciamo che mangino un gelato a merenda. E' vero sono in forte
aumento le malattie metaboliche ed in particolare il diabete, ma il gelato
inserito nel regime alimentare controllato può coprire la quota di carboidrati semplici (5-10% dai carboidrati) che possiamo concedere anche al diabetico.

Per chi ha un'ora sola da dedicare al pasto di mezzogiorno il gelato può
diventare un ottima alternativa alla pasta o all'insalatona o al panino.
Il gelato è un alimento veramente per tutti, per i bambini (anche se hanno mal di gola con difficoltà a deglutire), per i ragazzi che praticano sport, per gli adulti che vogliono mantenersi in forma senza rinunciare al sapore dolce e gradevole, per gli anziani che hanno mgari qualche problema di masticazione e infine per gli sportivi che devono recuperare rapidamente energia dopo allenamenti faticosi.

Proviamo adesso a conoscere meglio cosa c'è nel gelato. Sono gli ingredienti utilizzati come il latte, le uova, la panna, il cacao, la frutta e i nutrienti che ne derivano , proteine, zuccheri, grassi , minerali, vitamine e fibra che determinano il valore nutrizionale di questo alimento.
Nel gelato a base di latte vi è una buona presenza di proteine ricche di aminoacidi essenziali utili nella funzione plastica e rigeneratrice dei tessuti. I carboidrati del gelato sono principalmente il lattosio e il saccarosio, zuccheri di pronto impiego, indispensabili per il metabolismo dei globuli rossi e del tessuto nervoso oltre che per la contrazione muscolare. Nel gelato vi sono anche opportune quantità di vitamina A, vitamina B2 , calcio e fosforo. Nel gelato al cioccolato vi è anche la vitamina E e in quello al caffè i " polifenoli" ottimi antiossidanti
(combattono l'invecchiamento).

Ma quante calorie ha il gelato? Beh rispetto ad altri dolci l'apporto
calorico è modesto ; ad esempio 100 g di gelato " fior di latte" apportano 200 calorie circa.
Ovviamente il gelato alla frutta apporta meno calorie, circa 150 per 100 g, ma il mio motto è : se prendi una pallina di gelato almeno scegli il gusto che ti piace.

Concludendo il gelato può tranquillamente entrare a far parte del menù
giornaliero sano ed equilibrato; è sufficiente tener conto del suo valore
energetico e alternarlo o sostituirlo ad altri alimenti, ricordando sempre che il bilancio calorico è fatto di entrate ed uscite e che rimane sempre
importante una adeguata e regolare attività fisica.
Adesso.........tutti in gelateria.

Un saluto e un augurio per ritempranti vacanze. Piero Tullio

dr. Pietro Tullio