TIT.jpg (16363 byte)
 
BRIST.jpg (10935 byte)
   
Martedì
20 ottobre
2009

 

La questione del ponte è paradossale

Meneghel: "Sono possibili documenti così controversi?"
Anche sul difensore civico ci sono ingenuità senza spiegazioni. E poi, chi parla a nome della minoranza?
  
Gentile Direttore,
è sorprendete quanto si evince nell’articolo dal titolo “Intrighi di potere sul difensore civico”.

Da una parte la nostra Amministrazione Comunale che in varie occasioni si dichiara non responsabile del “ponticello” sul Sile (qualche metruccio di ferraglia messo lì da diversi decenni) e pretendendo conseguentemente l’eventuale manutenzione a carico di altri, dall’altra l’Amministrazione provinciale di Treviso che sull’argomento presenta una specifica documentazione che dimostrerebbe la nostra (roncadese) proprietà sul ponte. La cosa si fa seria perché o non si sa leggere o i documenti sono talmente ingarbugliati da ricorrere all’avvocato, come sembra in questo caso. Mi chiedo, ci sarà chi ha avuto la responsabilità e l’esperienza (poca) per costruire questa documentazione di dubbia interpretazione? si comprenderà che appiopparci nientemeno che un ponte, solo per errori documentali non è cosa da poco immagino… ma perché in queste due Amministrazioni si ostenta l’oculatezza, la serietà e soprattutto l’innocenza e la chiarezza amministrativa e i cocci sono sempre dei Toni dei Bepi o dei Nane? Cioè con il dovuto rispetto di Tutti noi? Dobbiamo constatare che nonostante i buoni propositi, le nuove persone ecc. nulla c’è di nuovo sotto il sole.

Nel caso, forse meno eclatante del Difensore Civico, c’è la posticipazione della data di consegna dei curriculum, un fatto strano ma non nuovo anche in altre Amministrazioni, la giustificazione è concretamente dimostrabile? Va bene, andiamo avanti ed eleggiamo velocemente questo “strenuo difensore del Popolo dalle mire dell’Amministrazione”… Non è giustificato in nessun caso la modifica della data? È una gaffe di cattivo gusto che un’Amministrazione di felice novella reggenza non dovrebbe commettere.

Aggiungo perplessità sui successivi ragionamenti del testo: la nomina del difensore civico, anche se ancora da fare, è già così intrisa di sospetti e convivenze? Mi permetto di dubitarne, chi ha vinto come ha vinto, non commetterebbe mai una simile banalità, sarebbe un bocconcino troppo succulento dato in mano a chi per istituzione o per personalismi va cercando dal momento del post elezioni. Venga dunque eletto al più presto, senza indugi nell’interesse del Cittadino questo prescelto, avremo tempo e modo per giudicarne l’operato ed insieme, conseguentemente, le intenzioni positive o negative di chi l’ha scelto.

Gentile Direttore, mi permetto una piccola disquisizione sull’articolo in questione firmato: “i consiglieri della minoranza”. Mi risulta che nessun inciùcio tra i due gruppi di minoranza sia mai avvenuto anche se comune potrebbe sembrare il contendere e ben riconoscendo l’inossidabile correttezza del Suo agire nel pubblicare i testi, mai ritoccati, neppure nei casi di evidenti errori ortografici, sono stupito.
L’Ignoto, a mio giudizio, estensore, avrebbe dovuto firmare il testo o con il suo nome e cognome, o come gruppo “Zerbinati Sindaco”, o come gruppo Lega Nord Liga Veneta e, in questo caso, posso garantire che nessuna riga era stata sottoposta al vaglio della Sezione in questi ultimi tempi, come è nostra normale prassi.

Cordiali saluti da l’inutile a quanto pare, addetto stampa Lega Nord Liga Veneta di Roncade.

  

(Per la stessa) Giovanni Meneghel

     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665