TIT.jpg (16363 byte)
 
BRIST.jpg (10935 byte)
   
Giovedì
6 agosto
2009

 

La Lega farà da badante a Rubinato

Meneghel: "Troppo tempo all'opposizione, ora minoranza costruttiva"
I duri e puri del Carroccio se ne faranno una ragione. Oppure pazienteranno fino al 2014
  
Nel Consiglio comunale del 03/07/09 i consiglieri della Lega Nord hanno imboccato una nuova strada. Vi racconto il perché.

La lettura dei risultati della recente consultazione elettorale, è chiara e rivelatrice non tanto perché ha vinto Simonetta Rubinato, ma perché la gente di Roncade, credo per la prima volta, ha dribblato i simboli politici puntando tutto sulla Persona. Il candidato sindaco è del centro-sinistra?… e chi se ne frega!– il candidato consigliere è di Rifondazione Comunista o della Lega o?… e chi se ne frega!
Abbiamo ricevuto una sacrosanta lezione, del tutto imprevista.

Noi contavamo quasi del tutto sull’onda lunga del Movimento, è stato un grosso errore strategico.
Questo spiega che chi ha vinto, ha vinto per il suo personale atteggiamento e chi a perso idem.

Due gli aspetti emersi nel comportamento dei roncadesi: il primo è di aver saputo scegliere infischiandosi degli schieramenti politici nazionali, il secondo, più nascosto, più intimo, è che i roncadesi durante la campagna elettorale volevano essere “coccolati” e in questo noi, abbiamo toppato clamorosamente.

Dopo il risultato, per molti versi sorprendente, da dritta e da manca sono spuntati i soliti “saputelli” della politica locale e si son sprecati i ritornelli del tipo: “avete sbagliato il candidato” – “ero certo che finiva così” – “potevate correre da soli” – “perché non un vostro candidato?, avreste vinto” ecc. Questi abituali saputelli il più delle volte, poco sinceri, ignorano parecchi passaggi che noi sempre facciamo e nell’interesse dei roncadesi e nell’interesse del nostro Movimento nell’occasione di tutti gli appuntamenti elettorali.

Già nel mese di ottobre dello scorso anno, proponevamo al nostro Gianni Rachello di ritentare l’avventura come candidato sindaco. Gianni, però, adducendo a importanti impegni lavorativi, declinò la proposta.
Per due legislature, avevamo imposto il nostro candidato, con Favaro prima, e con Rachello poi, perdendo la sfida in entrambi i casi anche se l’ultima per un soffio. Questa volta, dopo il rifiuto di Gianni, si è ritenuto significativo passare la mano al gruppo alleato, scegliendo appunto il dott. Zerbinati, l’unico nella recente storia delle elezioni Roncadesi capace di portare oltre 400 preferenze al candidato sindaco.

Non avevamo la bacchetta magica per inventare il personaggio capace di battere una simile macchina da guerra quale si è rivelata nel prosieguo della campagna elettorale Simonetta. L’avevamo cercato con puntigliosa selezione anche al di fuori dei soliti cerchi politici, nulla!

E così per la quarta volta nella storia della Lega di Roncade per un motivo o per un altro, ci troviamo all’opposizione. Immaginate cosa significa essere consigliere dell’opposizione in un Comune?... al di là dei soliti concetti istituzionali, ben poco, per non dire niente.
Fare opposizione arrabbiata in Consiglio, serve poco, già al terzo consiglio comunale, tenuto conto di un siparietto emozionale in prima battuta, c’erano circa trenta ascoltatori, pochini per valutare adeguatamente eventuali duelli di parte, che più di rendere infuocate le guance dei duellanti non hanno mai generato nessun concreto risultato perché alla fine, è l’alzata di mano che conta e in quel momento, la maggioranza sempre compatta, vince.

Vi sembra umano, insignire persone, anche se rinvigorite di buoni propositi, perchè inghiottano amaro e difendano cause già perse sin dall’inizio e questo sempre, per oltre quindici o vent’anni?
Ecco perché il gruppo consigliare della Lega Nord già dall’ultimo Consiglio Comunale sicuri di interpretare l’inappellabile volere di tutta la cittadinanza, si è inventato (non trovo un’altra definizione), un ruolo di minoranza attiva e costruttiva insieme alla maggioranza con un solo distinguo, tutelare sempre e comunque le ragioni del nostro Movimento. Soprattutto, sorveglieremo affinché l’unico programma elettorale accettato dai Roncadesi sia portato a termine nei tempi e nei modi dichiarati.

I convinti simpatizzanti della Lega, quelli che non hanno cercato il voto disgiunto, comprenderanno e attenderanno tempi migliori. Sarà la strada giusta? – probabilmente sì… verificheremo comunque fra cinque anni.

Cordialmente

Giovanni Meneghel

     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665

   
REAL2.jpg (13956 byte)

RE@LSERVICE Sas
via Roma 105, 31056 RONCADE (TV)
TEL/FAX 0422 842160