TIT.jpg (16363 byte)
 
LUCKY.jpg (13122 byte)
   
Sabato
21 marzo
2009

 

Via Pistor non è affatto disastrata

Geromel: "Il programma sulla viabilità è ampio e sarà soddisfacente"
Per via Montiron occorre attendere la fine dei lavori del Piruea e dell'area Peep. Le opere pubbliche non si realizzano per fini elettorali
  
Gentile Direttore,

Le chiedo cortesemente spazio nel suo sito per rispondere in qualità di amministratore e cittadino residente in via Pistor all’intervento del Sig. Marangoni Moreno apparso in roncade.it mercoledì 11 marzo u.s. dal titolo “Strade pericolose di cui da decenni nessuno si occupa”.

Mi sembra che via Pistor non sia una strada disastrata, dato che è provvista di pubblica illuminazione e per due terzi di doppio marciapiede, e nel tratto rimanente da via Giovanni XXIII all’intersezione con via Montiron il traffico è limitato al senso unico vista la ristrettezza della carreggiata (solo 4 metri sul ponte del Musestre).
Per quanto riguarda via Montiron abbiamo già affidato ad un tecnico il progetto di sistemazione, che prevede la realizzazione del marciapiede e della pista ciclabile fino al limite dell’area urbana.
Se finora non si è intervenuti, non è certo per dimenticanza, ma perchè sono tutt’ora in corso i lavori relativi al PIRUEA e all’area PEEP di via Montiron e sarebbe stato uno spreco di risorse pubbliche sistemare la via prima del termine di tali lavori che, di fatto, interessano anche la sede stradale.

Colgo l’occasione anche per portare le scuse dell’Amministrazione ai residenti per i disagi causati dai due cantieri, ma sono sicuro che una volta completati i lavori, i cittadini saranno soddisfatti.
Siccome l’Amministrazione si è fatta carico da tempo di questo disagio, spiace che il signor Marangoni non lo abbia rappresentato ben prima perché così avrebbe avuto tutte le spiegazioni del caso.
Ricordo, infine, che il territorio di Roncade è molto grande (è il secondo per estensione della provincia) e abbiamo circa 90 km di strade comunali, per la manutenzione straordinaria di una parte delle quali a breve partiranno dei lavori di sistemazione e riasfaltatura per un investimento di circa 950.000 euro. Senza contare gli interventi di manutenzione già fatti in precedenza.
Inoltre vorrei ricordare come questa Amministrazione abbia sin qui realizzato interventi di messa in sicurezza della viabilità e realizzazione di piste ciclabili per quasi 4 milioni e mezzo di euro in soli quattro anni. Si tratta di una cifra consistente se si tiene conto che il limite complessivo del bilancio del Comune per gli investimenti è di circa 2.750.000 euro in media all’anno.

Tali risorse sono state impiegate per la messa in sicurezza di via Garibaldi, per la realizzazione di piste ciclabili in via Trento Trieste e in via San Rocco, per la sistemazione di via Pantiera, di via Dary e di via Cima Da Conegliano. Sono inoltre in corso i lavori per la realizzazione della pista ciclabile che da via Ca’ Morelli arriva sino a Biancade e a breve partiranno anche quelli per la pista
ciclabile di via Giovanni XXIII.
A ciò si aggiungono i progetti preliminari per la sistemazione di via Pozzetto Vecchia e Nuova, di via Paris Bordone e di via Longhin in corso di approvazione e quello già affidato per via Montiron.
Il tutto rientra in un programma più vasto che comprende la realizzazione anche del percorso ambientale lungo il fiume Musestre, di oltre 9 Km, per un costo di un milione e 800 mila euro, e il completamento, in collaborazione con Fondazione Cassamarca, della Restera del Sile, da Casale a Roncade.

Ci teniamo a programmare ed effettuare sistemazioni e nuovi interventi avendo presente la situazione globale del nostro comune, perchè come Amministrazione puntiamo all’eccellenza del nostro territorio, ma per ottenerla ci occorrono ancora alcuni anni, per questo vogliamo realizzare opere pubbliche in funzione delle vere necessità e priorità, e non per fare mera campagna elettorale.
La stessa battaglia che si sta facendo per la compartecipazione del 20% dell’IRPEF è finalizzata a reperire e a mettere a disposizione dell’Ente locale e quindi dei cittadini risorse più adeguate alle esigenze del territorio che ci consentirebbero di accelerare tali lavori.

La stessa finalità anche la battaglia che il nostro Sindaco sta portando avanti per cambiare il Patto di Stabilità. Basti pensare che se dovessimo rispettare i vincoli imposti dall’attuale Patto di Stabilità, avremmo dovuto tagliare
8 milioni e 600mila euro dei 17 milioni che abbiamo invece voluto utilizzare, avendone la disponibilità, per fare le opere pubbliche di cui hanno bisogno i cittadini.

Ringrazio comunque il sig. Marangoni per la segnalazione augurandomi che la risposta sia stata soddisfacente.
Cordiali saluti.

L’Assessore
Guido Geromel


25 marzo 2009

Ringrazio l’assessore Geromel che con la gentile ed esaustiva risposta, contribuisce a chiarire molti dubbi e quesiti che interessano non solo il sottoscritto, ma anche chi transita nella zona, le famiglie e i residenti che come lui stesso sottolinea, stanno vivendo qualche disagio.

Comunque signor assessore, non crede che il parapetto del ponte sul Musestre sia una priorità che non può attendere la fine degli altri lavori?
Non so se il parapetto del ponte sia o no una sua competenza, se anche non lo fosse, visto che è veramente pericoloso, andrebbe comunque fatto qualche cosa…

Un cordiale saluto

Moreno Marangoni
  

     
   
REAL2.jpg (13956 byte)

RE@LSERVICE Sas
via Roma 105, 31056 RONCADE (TV)
TEL/FAX 0422 842160