TIT.jpg (16363 byte)
 
BRUTUS.jpg (12852 byte)
   
Mercoledì
16 settembre
2009

 

Guelfi e Gubellini

Gambirasi: "Quelli che marciano con la musichetta non mancano mai"
Dal Pat a Stalin, da Israele ai dividendi di Unicredit fino ai versi di Bertold Brecht. Quando c'è un collegamento per ogni cosa
  

Caro Direttore mi consenta di rispondere al nostro caro rappresentante dell'Italia dei Malori. Nella mia precedente, esponevo delle osservazioni rilevate solo ed esclusivamente, dai vari giornalini ed opuscoli distribuiti dalla nostra amministrazione comunale prima delle elezioni, e cito : “IL COMUNE RENDE CONTO AI CITTADINI – 2004.2009” ,cinque anni di lavoro per un Comune più ricco” ??? Ed infine Roncade notizie , leggo a pag. 26 “ costretti a di disubbidire” .
Nel 2008 c'è stato uno sforamento per accedere a mutui , per realizzare opere a mio giudizio discutibili, di circa € 4.800.000, il che non è un bicchier d'acqua .
Considerando che le previsioni delle entrate si riferiscono ad altrettanti dati riportati in un altro opuscolo riguardante il P.A.T. su Roncade notizie si legge:
P.A.T. - (Piano di Assalto al Territorio) - CONSUMATI 44 ETTARI DI ZONA AGRICOLA”
Il periodico dell’Amministrazione del mese di aprile 2009 dà conto, (a nostro avviso avventatamente, senza tenere conto sia dell’attaccamento alla terra del nostro mondo contadino sia del forte impatto ambientale che questo produrrebbe sul territorio) di una serie di accordi con Privati, già recepiti in sede di Piano di Assetto del Territorio, con cui si consente la trasformazione urbanistica di oltre 44 ettari di terreni agricoli distribuiti come segue:

PAT.jpg (181299 byte)

Se poi si tiene conto che, in base alla deliberazione della Giunta Comunale n. 6 in data 12.1.2009, il valore delle aree edificabili non urbanizzate ai fini dell’ICI varia da un minimo di € 88,00 (aree edificabili di completamento) ad un massimo di € 130,00 (aree edificabili di espansione), il prezzo al mq che i Privati hanno contrattato di versare al Comune in cambio di detta cementificazione come “beneficio pubblico” è ben esiguo perché si attesta dai 27,10 ai 33,58 € al metro quadrato.
Probabilmente tutto questo però non accadrà perché saremo salvati alla fine dal forte rallentamento della domanda edilizia causato dalla crisi economica generale ed il “beneficio pubblico” complessivamente previsto in € 12.000.000,00 in larga parte finirà per essere una abnorme e fittizia posta di bilancio in entrata creata per farcire un altrettanto abnorme e fittizio programma di opere pubbliche da propinare in campagna elettorale.

Non prendetemi per megalomane , ma la differenza tra chi ha una attività e chi amministra una cosa pubblica c'è eccome!!! Io come piccolo imprenditore, mi devo confrontare con il mercato , con uno stato vessatore e parassitario, ma naturalmente uso i miei soldi. L'amministratore invece spende quello dei contribuenti ONESTI, quindi dovrebbe pensare prima di spendere !!! E qui ci sarebbe molto ma molto da discutere.

Per quanto riguarda la ex base Montichiari , mi sembra che CassaMarca abbia esaurito la sua spinta propulsiva poiché Unicredit e Banca Intesa non distribuirà dividendi ma solo azioni, quindi non avrà le disponibilità finanziarie necessarie per acquisire la ex base ,e tanto meno le avrà l' amministrazione di Roncade che già sapeva della sua sdemanializzazione poiché fu la nostra allora senatrice a presentare emendamenti affinché questo accadesse. Di certo , con le spese sopracitate non sarà in grado di acquisirla. In più, non mi sembra che vi siano stati dei progetti per un eventuale utilizzo. Il mio antimilitarismo ha radici profonde e lontane. Oggi più che mai la prima vittima in un teatro di guerra è l'informazione, muoiono più giornalisti che militari. Le forze armate con i mezzi che ha a disposizione, sono quelle che subiscono meno perdite, le vere vittime sono le popolazioni. Di quelle non si parla mai, oppure vengono definite danni collaterali, ed esempi ce ne sono a bizzeffe.
Per fortuna dopo decine di anni emergono verità sconcertanti sulle cause dei conflitti che sconvolsero il mondo, da Perl Harbor al golfo del Tonchino ,dai talebani addestrati ed armati in funzione antisovietica dagli USA , alla guerra contro i talebani degli Usa con gli alleati per una guerra finta contro il terrorismo, ma efficace per il controllo delle risorse di quei paesi, e per la meritata ricostruzione dopo la distruzione , con le risorse di quei paesi. L'industria bellica ha bisogno delle guerre e così anche le multinazionali e le banche che le finanziano. Tutto funzionale al sistema imperialistico occidentale . Il vero problema è Israele e la sua politica di espansione , finché non sarà risolta la questione Palestinese non ci sarà pace in tutto il Medio Oriente; basterebbe che la carne da cannone prendesse coscienza , e che alla retorica dell' estremo sacrificio della vita, vi fosse la ragione della pace.

Ma i “mononeuronici” che marciano con la musichetta non mancano mai......Non mi ricordo se fu Stalin a venire a Roma o furono i nostre truppe ad andare a Mosca, non ricordo.......Al signor Gubellini REFERENTE per Roncade dell'Italia dei valori indicherei la lettura di un libro, con una ricchissima documentazione e bibliografia ( Il secolo corto la filosofia del bombardamento, la storia da riscrivere di Filippo Gaja ,Maquis Editore ) Troverà cose molto interessanti . Non concluderò con le solite citazioni di Einstein ma con una celebre poesia di un autore tedesco spero la faccia pensare .....e aumentare i suoi valori!

Generale, il tuo carro armato
è una macchina potente

Spiana un bosco e sfracella cento uomini.
Ma ha un difetto:
ha bisogno di un carrista.

Generale, il tuo bombardiere è potente.
Vola più rapido d’una tempesta e porta più di un elefante.
Ma ha un difetto:
ha bisogno di un meccanico.

Generale, l’uomo fa di tutto.
Può volare e può uccidere.
Ma ha un difetto:
può pensare.

Bertold Brecht



Giuseppino Gambirasi

     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665

   
REAL2.jpg (13956 byte)

RE@LSERVICE Sas
via Roma 105, 31056 RONCADE (TV)
TEL/FAX 0422 842160