TIT.jpg (16363 byte)
 
BRUTUS.jpg (12852 byte)
   
Martedì
8 settembre
2009

 

Base Nike, e se ci fosse radioattività?

Gambirasi: "Martedì scorso era meglio parlare di don Albino Bizzotto"
Anche ai leghisti, integrati negli apparati romani, della sovranità limitata dei veneti ormai importa molto poco
  
Paroni a casa nostra?
Alcune considerazioni circa il Consiglio Comunale del 1 Settembre scorso, in merito all' ipotetica acquisizione dell'area “ex base missilistica” di Cà Tron,chiamata Montichiari.

Premesso che il patto di stabilità è già stato abbondantemente sforato,per opere che avevano ben poco a che fare con i bisogni dei cittadini, a mio giudizio questa amministrazione non si è accorta della crisi che stava arrivando (nel 2008 sono state fatte spese pazze) e purtroppo non se ne sta rendendo conto nemmeno ora , poiché tutte le voci di entrata sono basate su ipotetiche concessioni edilizie a grandi costruttori.
Roncade sarà cementificata per poi lasciare il tutto invenduto o inutilizzato, poiché da qui ai prossimi vent'anni non ci saranno cittadini in grado di accedere a mutui per comprare casa . L'unica domanda fatta dall'opposizione, ammesso che lo sia , è stata se sarà possibile rinviare la scadenza dell'asta per poter visionare la base al suo interno, per capire il rapporto costi benefici, per una eventuale bonifica.

Il sito ha ospitato missili Nike Hercules Mim 14 con testate nucleari, ( forse anche batteriologiche ) non mi dilungo sulle caratteristiche tattiche o strategiche, ma su quelle fisiche . Queste armi emettono radioattività,quindi sarebbe opportuno considerare che non serve una bonifica, per demolire qualche struttura , tagliare qualche albero o scavare qualche fosso, bensì controllare con un contatore gaigher il residuo di radioattività lasciati nei silos. Nel Site Pluto a Longare , la ULSS n.6 nel 1992 riportò i dati agghiaccianti sulle mortalità da tumore e leucemie nei distretti di Vicenza est e sud-est in prossimità delle basi , esattamente 21,9 casi su 100.000 abitanti contro i 4-5 in Veneto.
A me sembra che alla Sindaca sia sfuggito questo particolare , e sia più preoccupata piuttosto a cercare dei partner , per una eventuale cordata per l'acquisizione dell'area.

Base che va, base che viene ! Mi sarebbe piaciuto che all'ordine del giorno vi fosse stato almeno un messaggio di solidarietà nei confronti di chi stava facendo da 13 giorni lo sciopero della fame: mi riferisco a Don Albino Bizzotto, dei Beati costruttori di Pace. Per una giunta di centro sinistra la sensibilità verso tematiche quali la pace, l'utilizzo delle risorse per i bisogni della società civile contro le spese militari sarebbe d'obbligo, altrimenti che differenza c'è con la Destra? Ricordo che Albino ha digiunato contro l'ampliamento e la nuova destinazione d'uso dell' ex campo di volo “Dal Molin” che ospiterà la 173° aerotrasportata di pronto intervento USA . Oltre che un danno per Vicenza con tutte le implicazioni ambientali ( il 95 % dei cittadini di Vicenza si sono espressi in un referendum autogestito contro la base ) vi è l'aspetto dell'indipendenza dignità e sovranità del popolo veneto e italiano.

Come sono schierati quelli della Padania “PARONI A CASA NOSTRA?”. Naturalmente hanno altre distrazioni , il dialetto a scuola , le ronde , le gabbie salariali! Mi sa che i leghisti, si sono attaccati alle “tette della lupa di Roma ladrona” ,ci hanno preso il boccato e non se ne staccano più!! Della sovranità limitata dei Veneti e degli Italiani poco importa.

In quanto ai militari io la penso esattamente come Albert Eistein:
“Disprezzo profondamente chi è felice di marciare nei ranghi al seguito di una musica : costui solo per errore ha ricevuto un cervello . Bisogna sopprimere questa vergogna della civiltà , il regime militare , il più presto possibile”...

  

Giuseppino Gambirasi

     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665

   
REAL2.jpg (13956 byte)

RE@LSERVICE Sas
via Roma 105, 31056 RONCADE (TV)
TEL/FAX 0422 842160