TIT.jpg (16363 byte)
 
NICK.jpg (14993 byte)
   
Mercoledì
17 giugno
2009

 

Ce n'è per tutti

Damelico: "Buldo opportunista, Bettiol confuso, Mascia funambolo... "
Bacchettate anche a Camatel, Meneghello e Zerbinati. E infine alla Lega per le sue baruffe chiozzotte
  
La competizione elettorale è finita e chi ha vinto deve guardare avanti e governare con serenità per tutta la comunità Roncadese, senza preclusione alcuna.
Ritengo comunque che sul comportamento di alcuni protagonisti non si possa semplicemente alzare un velo pietoso, pertanto affido a questo sito alcuni miei personali giudizi.

In primis sull’amico Buldo che pur legittimato dal detto “solo i cretini non cambiano idea”, per averlo fatto sottobanco, ha buttato alle ortiche la sua reputazione.
Professarsi ancora fedele alla sua parte politica e contemporaneamente lavorare per gli altri tre concorrenti per poi diventare assessore del vincente, ha solo un nome: opportunismo.

E che dire di Bettiol Renzo, il presentatore della lista di disturbo dell’estrema sinistra pur avendo contribuito alla formazione di quella della Crosato; cambiare idea è una cosa, girare come una trottola è confusione.
Ha cambiato così tante casacche politiche che farne l’elenco è assai difficoltoso.

E Roberto Meneghello?
L’ex consigliere di minoranza, aveva definito una pochezza il mio intervento in merito alla loro alleanza con la Lega.
Visto che in consiglio hanno sempre parlato due lingue diverse, avevo scritto che si erano ricompattati per sommare i consensi.
D’ora in poi avrà tutto il tempo che gli serve per comprendere quello che agli elettori era ben chiaro: le alleanze vanno costruite nel tempo confrontandosi con il territorio e non improvvisate per “agguantare” il potere.

Anche Mascia ora potrà meditare sulle sue inutili insinuazioni ed elucubrazioni verbali a difesa di tesi assai funamboliche.
Molto tempo fa (io perdono, ma non dimentico), ebbe a dire che fungevo da “utile idiota” all’amministrazione.
Ebbene, lui che è ormai da alcuni lustri che si frustra all’opposizione, anche in considerazione del forte calo personale ottenuto, di quale utilità è stato per la sua compagine?

Un altro che mi permetto di “bacchettare” è Dino Camatel.
Caro Dino, per essere votati non serve relazionarsi con migliaia di persone, è da come ci si comporta che si trae più o meno consenso, e chi non rispetta almeno le regole della buona educazione, non può che raccogliere tempesta.

Al dr. Zerbinati, pur comprendendo la sua amarezza, consiglierei di evitare certe espressioni.
Dalla sua lettera riportata in questo sito traspare una certa dose di risentimento che con il fair play ha ben poco da spartire (stanza dei bottoni, capacità economica, potere, fattori che resteranno sconosciuti…. ), dopo aver “tramato” a destra e a manca, questo non gli fa onore.
Quelli che si sono fatti strumentalizzare candidandosi nella lista di Sinistra per Roncade credo che faranno bene a meditare su un’immagine riportata su alcuni giornali (Marx che si spara alla tempia).
Se con il loro “disturbo” avessero vinto le destre, forse che i loro programmi avrebbero avuto una qualche considerazione?
Ma fatemi il piacere!
Molto sospetti anche quelle zero preferenze (neppure la loro), probabilmente segno che pur in lista con tizio, hanno votato per caio (una bella presa in giro per gli elettori).

Alla Lega credo che si possa rimproverare il vizio di sempre, quello di trattare l’antagonista come un avversario da mettere sotto i piedi (trovo poco carino da parte loro affermare che la squadra a disposizione di Simonetta è debole).
Almeno qui a Roncade dovrà ridimensionare la sua prosopopea, nel mentre è impegnata in baruffe chiozzotte con i suoi alleati (leggi patto con il diavolo, andata e ritorno).

Ossequi.

Luciano Damelico

     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665

   
REAL2.jpg (13956 byte)

RE@LSERVICE Sas
via Roma 105, 31056 RONCADE (TV)
TEL/FAX 0422 842160