TIT.jpg (16363 byte)
 
BIMBO.jpg (9815 byte)
   
Sabato
27 giugno
2009

 

I piccoli maestri

Insegnante ai nuovi amministratori: "Prendete esempio dai bambini"
Può servire a varare nuove forme di collaborazione con la società perchè molte soluzioni sono già a portata di mano e basta saperle vedere
  
Gentile Direttore,

sono un’insegnante della Scuola Primaria del territorio ed opero ormai nell’ambiente da diversi anni e quella che espongo è una mia personale riflessione.

Nella mia professione, che cerco sempre di rendere operativamente più consona alle esigenze delle generazioni dei bambini che incontro, una modalità di lavoro che più di altre si è dimostrata vincente è stata quella di condurre gradualmente i miei alunni ad aprire la propria mente ed a porsi criticamente di fronte alle personali convinzioni e responsabilità, fin da molto piccoli.
Soprattutto questi ultimi anni, poi, mi hanno dimostrato quanto sia fondamentale condurre un’attività sempre più volta a sottolineare il valore dell’operare come comunità di pratica, dove il vero senso della cooperazione, della collaborazione, dell’aiuto reciproco ma soprattutto del rispetto vengano riconosciuti come elementi dai quali non è mai possibile prescindere.

Spostando la prospettiva da questo mio modo di intendere “scolastico” a quelle che sono le “prassi di vita”, mi sono resa conto che molto spesso dal mondo adulto in questo ultimo periodo, sono andate per la maggiore parole come, onestà, trasparenza, coerenza proprio perché ogni candidato delle varie liste ha cercato correttamente di propagandare il proprio pensiero e tali affermazioni erano sicuramente emblema di una volontà di essere realmente vicini ai cittadini.
Mi sarebbe piaciuto però, al di là di tutte le propagande e proposte che sono state presentate, poter fare anche come faccio con i bambini e chiedere ad ognuno, in fondo, il senso personale che dava alla parola ma soprattutto come avrebbe dimostrato che lo faceva realmente.

In classe coinvolgo spesso i miei alunni cercando di portarli a riflettere sia sul cosa ma anche e soprattutto sul come e perché vanno affrontate determinate situazioni e responsabilità e molto spesso mi stupisco di quanto siano attenti a trovare sfaccettature particolari e delicate o soluzioni semplici che talvolta sfuggono a noi adulti: può sembrare strano, ma per la maggiore funziona sempre, nonostante lo scorrere del tempo, guardare negli occhi il compagno e chiedergli scusa.

Ora che il Sindaco nominerà a breve e ufficialmente i nuovi Assessori, mi sento di inviare loro i miei più sinceri auguri di un buon operare, convinta che la positiva esperienza di collaborazione tra Istituzioni, Scuola e Territorio rimarrà confermata come nel precedente mandato.
Mi auguro altresì, però, che si possa mettere in atto anche una nuova forma di collaborazione che voglia, qualora ve ne fosse la necessità, prendere esempio dai bambini che attraverso il loro modo di trovare soluzioni possono, a volte, fare da maestri anche a noi adulti.

Teofrasto affermava:“Il tempo è la cosa più preziosa che l’uomo possa spendere” e William Gibson aggiungeva: "Il futuro è già qui, è solo mal distribuito!": cercando di coniugare le due affermazioni, ritengo perciò che il tempo dedicato ai nostri alunni, figli, futuri cittadini, debba essere importante per tutti ma soprattutto che gli stessi vengano considerati un futuro su cui credere dando loro costantemente un positivo esempio, distribuito, rafforzato e costruito sopra quei valori che la comunità di pratica fa maturare nel suo interno.

Grazie per l’attenzione.

 

Paola Carrettin

     

LUCA5.jpg (5860 byte)

Costruiamo il vostro futuro
cell. 348 9972665

   
REAL2.jpg (13956 byte)

RE@LSERVICE Sas
via Roma 105, 31056 RONCADE (TV)
TEL/FAX 0422 842160