TIT.jpg (16363 byte)
 
vc.jpg (6619 byte)
   
Mercoledì
25 febbraio
2009

 

Crisi, il Comune può fare qualcosa?

Campello: "Soldi forse ce ne sono, più aiuti ad asili, rifiuti e mutui"
Esistono alcune situazioni e vicende personali molto toccanti, che alla lunga possono avere un impatto negativo non solo economico
  

…e la crisi è arrivata anche da Noi. A Roncade cosa succede?

Con la crisi della “Veneta Cucine” il cui titolare, il senatore Carlo Archiutti, ha chiesto la cassa integrazione un giorno la settimana (venerdì) per gli oltre trecento dipendenti già da alcuni mesi.
Con l’aumento della cassa integrazione ordinaria nella provincia di Treviso del 79,67% nel 2008 rispetto al 2007.
Nella classifica delle province italiane quella di Treviso è al 23° posto e tutti dicono: “Il peggio deve ancora venire”.
Purtroppo fanno notizia solo le fabbriche grandi e medie, mentre, per il momento, le piccole aziende mettono in ferie i dipendenti.
Per quanto tempo ancora?
E il Comune cosa fa?
Cosa potrebbe fare?
Con quali soldi?

Beh forse i soldi ci sono: i 12 milioni di Euro risparmiati con il P.A.T. per i prossimi tre anni, potrebbero servire a mitigare le sofferenze delle famiglie in difficoltà specialmente quelle con figli e anziani. Bisognerebbe pensare a migliorare e potenziare gli aiuti: per gli asili, per la tassa per lo smaltimento dei rifiuti, per le rate dei mutui ecc.
Con questo intervento vorrei sottolineare la situazione socio economica di una famiglia colpita dalla crisi, quando il marito, la moglie oppure tutti e due perdono il posto di lavoro.
Immaginiamo un operaio di 40 / 50 anni che perde il lavoro o che viene messo in cassa integrazione.
Facendo il rappresentante sindacale sono venuto a conoscenza di alcune situazioni e vicende personali molto toccanti, che alla lunga possono avere un impatto negativo in tutti i campi, non solo quello economico.
In Italia manca una seria legge sugli ammortizzatori sociali, non esiste solo la cassa integrazione o l’assegno di disoccupazione, uno Stato moderno deve riqualificare con corsi di formazione e quant’altro per reinserire il lavoratore e soprattutto la lavoratrice.

La crisi che secondo gli esperti di economia durerà per tutto il 2009 si attenuerà nel 2010 quando l’economia mondiale riprenderà a marciare, tranne in Italia a causa di problemi strutturali che da anni ci portiamo dietro. Le nostre fabbriche tessili, metalmeccaniche, chimiche ecc. non riescono a competere con quelle dei paesi emergenti (Cina, India, Est Europa) oltre a quelle occidentali. Invece di investire in tecnologie e ambiente (vedi Stati Uniti), si è preferito e si preferisce tuttora sfruttare vecchi e superati aiuti di Stato mirati alla rottamazione di automobili, elettrodomestici, decoder e televisori per digitale terrestre ecc. che non portano stabilmente nuova e qualificata occupazione ma tamponano le falle del sistema.
Avete fatto caso alla pubblicità in televisione negli ultimi giorni? Ogni spazio pubblicitario, specialmente nelle ore di punta, ha almeno tre spot di automobili pagati da noi contribuenti. Ci fossero almeno i soldi per comperarle!!!

Roberto Campello

     
   
REAL2.jpg (13956 byte)

RE@LSERVICE Sas
via Roma 105, 31056 RONCADE (TV)
TEL/FAX 0422 842160