TIT.jpg (16363 byte)
 
ROBIN.jpg (13238 byte)
   
Mercoledì
4 giugno
2008

 

Se via Roma fosse così...

Pedonalizzare o men non è l'unico nodo del centro storico.
Urbanistica e proposte di socialità devono andare a braccetto
  
Si discute animatamente in questi giorni sul progetto della "Piazza Longa" di Roncade, su come rivitalizzare il centro, su come sostenere le attività commerciali, su come limitare il traffico.
È vero che pochi commercianti non possono pensare di far prevalere i loro –legittimi- interessi commerciali sul volere della maggioranza dei cittadini, ma è altrettanto vero che un centro senza negozi è morto.

A guardar bene via Roma, ovvero il centro di Roncade, chiunque osserva che si tratta di un semplice incrocio con la rotonda più strana d’Italia (probabilmente), e che di centro non ha proprio nulla. Una strada affollata di macchine parcheggiate sul marciapiede, come a Milano nelle notti in cui il Comune esegue la pulizia delle strade.

Credo sia anche da abbandonare l’idea che senza passaggio di auto non ci sia modo di attirare la gente al centro, francamente mi pare un po’ demodé. Certo che se devo sedermi ai margini di una via trafficata, priva di alberi e di panchine, con la piazzola antistante il Municipio che –oltre ad essere stonatissima nei confronti dello stesso- pare un deserto di cemento inclinato, senza una fontanella e con l’unica aspettativa di fare avanti e indietro sotto i portici leccando un gelato, allora resto in giardino a casa mia. Magari non vedrò anima viva, ma almeno godo del silenzio, della brezza e di un angolo all’ombra.

Se invece via Roma fosse chiusa al traffico, molto alberata e verde, con delle panchine, una piazzola per il parcheggio delle biciclette, se per raggiungerla potessi pedalare lungo il percorso verde del Musestre, se ci fosse il segnale wi-fi per internet gratuito su tutta l’area, se ci fosse un’offerta culturale ragionata e di una certa qualità, se la biblioteca fosse aperta ed ospitasse una ludoteca dove poter lasciare i bambini, allora probabilmente avrei più di un motivo per andare in piazza.

Con questo non voglio sostenere che la chiusura totale di via Roma sia in assoluto la soluzione migliore, ma è doveroso iniziare a pensare ai problemi con un approccio diverso, soprattutto con la comune volontà di risolverli abbandonando i preconcetti.

Lorenzo Pezzato